Lo snowboard in Italia e verso le Olimpiadi

Lo snowboard in Italia e verso le Olimpiadi
 

Abbiamo trovato online la tesi di Fabio Perricone, scritta molto bene e piena di spunti sia tecnici che storici.

Con l'autorizzazione dell'autore la pubblichiamo :

Potete scaricarla tramite questo link

Lo snowboard in Italia e verso le Olimpiadi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO
SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTÀ IN SCIENZE MOTORIE
TESI DI LAUREA
Lo snowboard in Italia e verso le Olimpiadi
RELATORE:
Prof. GIOACHINO KRATTER
CANDIDATO:
FABIO PERRICONE
ANNO ACCADEMICO: 2001-2002Dedicata a chi mi è stato e
a chi mi è sempre vicino.
Ai miei amici,
ai compagni di corso
e agli Istruttori NazionaliINDICE
Introduzione
pag. 4
PARTE PRIMA
“Dall’America alle Alpi”
• Alle radici dello snowboard pag. 7
• Finalmente anche l’Italia s’è desta pag. 20
• Bob Sorgente e il clan dei bardonecchiesi pag. 26
• Ispirati da Apocalypse Snow
pag. 29
• Già 300 mila i praticanti in Italia e che
spinta dai Giochi del 2006!
• Il sillabario dello snowboard
pag. 38
pag. 45
• A Madonna di Campiglio il primo Snowpark pag. 48
PARTE SECONDA
“Verso le Olimpiadi”
• Le gare olimpiche e di Coppa del mondo
pag. 54
• Le piste e gli impianti di Bardonecchia/Melezet
per i ventesimi Giochi Invernali
pag. 65
• Le date delle 6 gare olimpiche pag. 71
• Lo snowboard approda in città pag. 73
• Metodologia della preparazione atletica pag. 80
2PARTE TERZA
”Sport ancora da scoprire”
• Carving e snow, c’è del feeling pag. 92
• I campioni di sci bravi anche su tavola? pag. 97
• Onda bianca, onda rosa… pag. 100
• Come è nata la figura del terzo maestro pag. 105
• Le quattro regole per insegnare pag. 111
• E oggi soft batte hard per K.O. pag. 116
• Quanto “tira” il mercato in Italia? pag. 124
• I traumi di una disciplina nuova pag. 133
Bibliografia pag. 137
Ringraziamenti pag. 141
3Introduzione
Due anni fa mi ero posto un obiettivo; in certo qual modo
avevo lanciato una sfida a me stesso: diventare il primo
maestro di snowboard non udente in Italia.
Dopo aver completato tutti gli esami finali di pratica, sono
a un passo dall’agognata meta. E non posso nascondere
la mia soddisfazione, forse una punta d’orgoglio. Ma, in
questa occasione solenne, ci tengo anche a dire che la
mia soddisfazione vorrei comunicarla e poi dividerla con i
miei istruttori del “Corso di formazione maestri di
snowboard” del Trentino. Mi hanno insegnato un
mestiere.
Mi è dunque facile, direi scontato, –dopo la premessa
fatta… e forse un po’ troppo personale– per la tesi di
laurea in Scienze Motorie, scegliere il tema-snowboard,
legandolo alle prossime Olimpiadi invernali che avranno
per teatro le montagne e le piste dove è nata la mia
passione. Una scelta, pertanto, che è stato uno
spontaneo atto d’amore.
4Già, lo snowboard!
Sin dalla prima volta che ho messo i piedi su una tavola
ho provato una sensazione speciale, un’emozione fatta
di gioia, di spensieratezza. La sensazione di un volo
appena sopra le nuvole. Di qui è nato tutto.
La mia tesi vorrei che, nel suo piccolo, potesse essere
magari solo un granello in più nella divulgazione di
questo sport emergente, che ha conquistato me e tanti
altri giovani per essere, prima di tutto, divertente e puro.
Sperando che, soprattutto puro, cioè pulito, continui a
mantenersi il più a lungo possibile.
5PARTE PRIMA
Dall’America alle Alpi
6Una storia lunga mezzo secolo (… e molto di più)
Alle radici dello snowboard
“Lo snowboard, un attrezzo ed uno sport che permettono
di scendere lungo i pendii di una montagna innevata in
una posizione particolare. Gli snowboarders, inizialmente
considerati poco naturali e strani solo perché si scostano
da tutto ciò che è “frontale”, simmetrico, equilibrato e
pertanto classico hanno aperto le frontiere ad un mondo
completamente
nuovo,
tutto
da
esplorare
e
da
sperimentare. In questo mondo diverso si comincia ad
avvertire la presenza di un aspetto emozionale, oltre che
motorio e prestazionale…”. 1
“… Probabilmente non esiste una realtà così vicina ad
un sogno quale quella di scendere in neve fresca con
uno snowboard ai piedi. La neve sofficissima scivola
sotto la tavola dando l’impressione al surfista di volare
“surfando” l’aria. Un urlo liberatorio e il desiderio di
1
Snowboard 2000 testo ufficiale per l’insegnamento dello snowboard, FISI, Capitolo 1.3 “La
Filosofia dello snowboard” prima edizione ottobre 1999
7esplodere vengano uniti in un armonia unica; è qui che
nasce una gioia così inebriante da annullare i problemi
della quotidianità e da far apprezzare intensamente il
gusto della vita…”
Così recita il testo ufficiale per l’insegnamento dello
snowboard edito dalla Federazione Italiana Sport
Invernali (FISI) a pagina 22 nel capitolo intitolato “La
filosofia dello snowboard”.
C’è un entusiasmo forse eccessivo nel testo in questione
che ho riprodotto solo in parte e che sembra attribuire
“qualità” specialissime, al limite dello straordinario, allo
sport della tavola. Qualità tali addirittura da colorare di
azzurro-sogno persino il grigio di una giornata banale.
Non è così, ovviamente. Ma non c’è dubbio che lo
snowboard sia uno sport decisamente, intensamente
coinvolgente,
in
quanto
innovativo,
fantasioso,
divertente: tant’è da aver conquistato “tout-court” le
nuove generazioni degli sciatori. Tanto da esser
diventato, e a tempo di record, un temibile concorrente
8per l’antichissimo, classicissimo ski che è su piazza da
sempre e sulla scena olimpica da Chamonix 1924.
A questo punto mi pare scontato dover sintetizzare la
storia e l’evoluzione dell’ultimo rampollo degli sport
invernali, entrato trionfalmente nel terzo Millennio e già
collaudato dalle Olimpiadi di Nagano, dove era al
debutto, confermatosi vincente a Salt Lake City e pronto
a recitare un ruolo ancora più importante ai Giochi di
Torino del 2006.
La cronistoria dello snowboard, dunque.
Già negli Anni ’20 si racconta –ma forse è leggenda–
che sulle Alpi un geniale montanaro di cui non è stato
tramandato il nome avesse provato a montare su una
rudimentale
tavola,
restando
pericolosamente
in
equilibrio durante la discesa a valle.
Si racconta anche che i pastori slavi si lanciassero lungo
i pendii innevati disponendosi trasversalmente su degli
sci più larghi che lunghi.
9Di quei lontani esperimenti sulle Alpi e sui monti
balcanici però si sa ben poco.
Una traccia meno remota del futuro snowboard è
riconducibile al 1929, quando un americano di nome
Jack Burchett, un surfista d’onda californiano, ebbe
l’idea, nei lunghi periodi di inattività forzata causata dalla
stagione fredda, di scendere lungo i pendii delle
Montagne Rocciose con un attrezzo simile al surf da
onda. Burchett si affidò a una tavola di legno pressata
dotata di cinghie di cuoio per il bloccaggio dei piedi.
Ma
la
nascita
ufficiale
dello
snowboard
viene
storicamente collocata nel Michigan. E molti anni dopo,
per l’esattezza nel 1965. Anagraficamente pertanto lo
snowboard è sport giovanissimo.
È un anno davvero ricco di eventi il citato 1965. La
NASA lancia il primo satellite di telecomunicazioni a
scopo commerciale; il chirurgo Michael De Barkey
trapianta su un paziente di Boston il primo cuore
artificiale, la Regina Elisabetta conferisce ai Beatles i
10titolo di baronetto. E, in campo sportivo, Vittorio Adorni
vince il 48° Giro ciclistico d’Italia.
Ed è l’anno, quel 1965, di un certo
Sherman Poppen, un ingegnere
con al suo attivo esperimenti e
Una rara foto di Jake Burton
(a destra) con Sherman Poppen
brevetti
nel
campo
dei
gas
industriali che, per far giocare le sue due figlie, Wendy e
Laurie, da vita a una scelta decisamente singolare,
unendo i due sci e realizzando una sorta di monosci, che
risulterà subito velocissimo, anche se non facile da
tenere in equilibrio. Ma la prima cosa di cui il signor
Poppen si accorse è che le ragazze tendevano a
disporsi trasversalmente su quella rudimentale tavola, e
che miglioravano la stabilità con l’aiuto di un cordoncino
fissato in punta. L’osservazione gliene fece venire in
mente un’altra: la stretta analogia esistente tra questa
posizione con quella del surfista da onda per cui, unendo
surfer e snow, battezzò “Snurfer” il nuovo attrezzo. Una
11sorta di tavola “ante litteram”, di cui mister Poppen ne
ebbe subito una grossa richiesta.
Quella
prima,
rudimentale,
tavola
venne
via
via
migliorata dallo stesso Poppen. Il quale, in seguito,
registrò la sua invenzione, cedendone i diritti alla ditta
Brunswick, che cominciò a produrre in serie lo
SNURFER. Già nel 1966, di quella tavola giallo-nera di
legno ne furono vendute centinaia al prezzo di 9,65
dollari. E, in seguito, migliaia ad un prezzo variabile tra i
15 e i 25 dollari.
Fu
un
intraprendente
quattordicenne,
elaborare
lo
Jake
Snurfer
migliorandone
le
e
geniale
Burton,
di
ad
Poppen
prestazioni
e
adattandolo ai vari tipi di neve.
Burton, provenendo dalla scuola dei
Un cartello pubblicitario dello
“Snurfer” della Brunswick
surfisti da onda, comincerà a produrre tavole sue, a
partire dal 1977.
12Si legge su “Snowboard 2000”, edito dalla FISI nel 1999:
“Questi modelli somigliavano molto allo Snurfer di
Poppen, ma si diversificavano un po’ per il fatto che
erano stretti come monosci ed erano costruiti in legno
d’acero laminato e dotate di attacchi regolari in gomma e
di una superficie anti-scivolo”.
In seguito, un ingegnere di New York, Dimitrije Milovich,
anch’egli appassionato di surf da onda, fabbricò alcuni
prototipi più evoluti di tavole da neve, registrandone il
brevetto con il nome di Winterstick. Queste tavole furono
costruite in legno resinato, ma la loro fragilità consigliò in
seguito una produzione con anima schiumata realizzata
tra laminati in fibra di vetro e con base di polietilene.
Purtroppo, il costo di tale tavola si rivelò troppo alto per
invogliare le masse all’acquisto e quindi a gettarsi
nell’avventura dello Snowboarding.”
Ispirandosi
allo
supermercato,
scivolamento
Dimitrije
Milovich
dei
carrelli
inizia
quindi
del
a
sviluppare l’idea di un attrezzo basato sulla tavola da
13surf, ma con elementi laterali costituiti da lamine di
metallo, che ricordassero in certo
qual modo gli sci.
Ma fu Bob Weber a brevettare,
nel
1973,
il
primo
vero
snowboard, specificandone nel
progetto
(in
modo
chiaro
e
incontestabile) misure, spessori,
L’originale del modello depositato
da Bob Weber nel 1973
sciancrature.
Saranno
le
caratteristiche delle tavole che verranno prodotte ben
dodici anni più tardi dopo che, nel 1975, l’ufficio brevetti
degli Stati Uniti aveva certificato il “brevetto Weber”.
Intanto, nel 1975, Milovich fondava la Winterstick, la
prima fabbrica di snowboard, producendo anche la prima
tavola a coda di rondine senza lamine da usare in neve
fresca e una tavola con le lamine per la quale otteneva
un altro brevetto.
Nel 1977, nel Vermont, il già citato Jake Burton, insieme
alla moglie Donna Carpentier, sviluppa i primi prototipi di
14quelli che più tardi diventeranno le “Burton Snowboards”,
iniziando a produrle in serie l’anno dopo.
Bob
Weber,
intanto,
comincia a costruire un
altro tipo di tavola dotata di
un
fondo
in
polietilene
stampato
(P-TEX).
Prenderà
il
nome
di
“Yellow Banana”.
Sempre
in
quegli
anni,
anche Tom Sims inizia a
Jake Burton scende con lo Snurfer (1977)
realizzare
le
tavole
che
prendono il suo nome e che sono tuttora in commercio.
Nel 1978, Chuck Barfoot da vita a un attrezzo in fibra di
vetro.
Un anno importante è il 1979 quando, al raduno annuale
di Snurfers, Paul Graves compie quattro 360° slide,
facendo impazzire il pubblico presente. Allo stesso
evento partecipa Jake Burton, che utilizza per la prima
15volta il suo prototipo, un modello che però non viene
omologata come snurfer. Verrà pertanto istituita una
nuova categoria: il futuro snowboard.
In Europa, in Germania, nel 1980,
Fuzzy Grahammer (ex campione
mondiale di sci acrobatico) sviluppa e
Ecco lo “Swingbo”
introduce sul mercato lo “Swingbo”
che è realizzato con due piccoli sci sui quali è montata
una pedana mobile la quale, attraverso un meccanismo
simile
a
skateboard,
presa
degli
quello
dello
favorisce
spigoli.
la
Ma
verrà subito accantonato
avendo un impiego limitato
e difficile da usare. Alla fine
sarà il primo vero antenato
degli
snow-skates
(“Snowdeck” della Burton)
Una delle prime tavole “Burton”
16che cominciano a diffondersi nel 2000.
Nel 1982 Paul Graves organizza nel Vermont le prime
gare includendo nel programma anche lo slalom e la
discesa. È la prima volta che i riders di tutto il mondo si
trovano faccia a faccia. Vi
partecipano
anche
Tom
Sims e Jake Burton. Il primo
vince la gara di “discesa”. Il
programma prevede per la
Tom Sims con il suo primo snowboard
prima volta
la
degli amatori.
categoria
È
anche
l’ultima volta che snurfer e
snowboard gareggiano insieme.
Il
primo
campionato
nazionale
di
snowboard
è
organizzato da Burton nel 1983. Nell’occasione, lo
stesso Burton presenta due nuovi modelli che si
differenziano dai precedenti per il fatto di avere la
possibilità di fissare anche il piede posteriore con dei
lacci.
17Sims, dal canto suo, inaugura il primo campionato
mondiale che include per la prima volta anche l’half pipe.
Nasce il primo produttore europeo di snowboard, è la
ditta svizzera Hooger Booger.
Jake Burton Carpentier scende in “powder”…
Nel 1985 sono introdotte le lamine in metallo in alcune
tavole Sims e Burton. Con questa innovazione termina
l’era in cui il surf influenza il nuovo sport ed inizia quella
in cui lo snowboard si avvicina sempre più alle tecniche
costruttive dello sci.
18Nel 1986 Burton introduce i primi modelli di scarpe soft
(morbide).
I
campionati
l’attenzione
americani
della
a
“Swatch”,
Breckenridge
che
attirano
sponsorizza
la
manifestazione. Nello stesso anno, in Europa, si
cominciano ad organizzare i primi incontri. I campionati
svizzeri a St. Moritz sono tra le prime manifestazioni del
genere. 2
L’evoluzione delle tavole Burton dal 1977 al 1990. Le Burton sono tuttora in commercio
2
Snowboard 2000 testo ufficiale per l’insegnamento dello snowboard, FISI, Capitolo 1.4 “Storia ed
evoluzione” prima edizione ottobre 1999
19Finalmente anche l’Italia s’è desta
Si muove pure l’Italia. Nel 1986, nasce la S.I.S.N.,
Scuola
Italiana
Surf
da
Neve,
che
si
occupa
principalmente della formazione di tecnici di club. Per
conto della A.I.S.N. (Associazione Italiana Surf da neve),
vengono organizzate le prime gare di snowboard.
Nel 1987, Chuck Barfoot introduce il primo shape
freestyle twin-tip, con punta e coda identiche. Ma questo
è soprattutto l’anno in cui lo snowboarding si fa
conoscere in Europa dal grande pubblico. Parte il primo
circuito di Coppa del mondo con gare in Austria, in Italia
e in America. Si disputano i primi Campionati del mondo
che hanno luogo a St. Moritz. Sono organizzati dalla
Snowboard
European
Association.
Le
gare
in
programma sono lo slalom e la discesa nelle disciplina
alpine; gobbe e half pipe nel freestyle.
L’anno dopo viene tenuta a battesimo la prima Coppa
del mondo ufficiale con due gare in Europa e due in
20America. Con queste manifestazioni lo snowboard riesce
ad attirare l’attenzione dei media e, di conseguenza, di
sponsor importanti i quali contribuiscono in maniera
determinante allo sviluppo di questo nuovo sport in tutto
il mondo.
A Bardonecchia, si svolge il primo corso d’introduzione
allo snowboarding riservato ai maestri di sci e tenuto da
alcuni atleti di snowboard.
Nel 1989 Earl Miller, un ingegnere dello Utah, produce
un attacco con possibilità di sgancio, ma la tecnologia è
ancora primitiva. Da un gruppo di maestri di sci
appassionati di snowboard, in collaborazione con la
F.I.S.I., sono gettate le basi per la creazione del primo
corpo istruttori di snowboard e del primo testo tecnico-
didattico italiano. Pietro Colturi vince il titolo mondiale di
SuperG.
A Vail, in Colorado, nel 1990, viene realizzato il primo
“snowpark”.
21Nasce la I.S.F. (International Snowboard Federation) con
lo scopo di regolamentare le competizioni internazionali
alle quali fanno capo le varie associazioni nazionali. Al
passo dello Stelvio si svolge il primo corso per maestri di
snowboard. È tenuto da istruttori nazionali e riservato ai
maestri di sci di tutta Italia. Anche in Piemonte si tiene un
corso di specializzazione.
Nel 1991, la A.I.S.N. (che si trasformerà in F.I.S.Ne. nel
’92) avvia la procedura per il riconoscimento del surf da
neve quale disciplina associata alla Federazione italiana
sport invernali.
Viene approvata le legge quadro dei maestri di sci (n°81,
8 marzo 1991): solo loro possono insegnare lo
snowboarding in base all’articolo 1 (…con qualsiasi
attrezzo). Si svolge in Trentino e in Valle d’Aosta il primo
corso di specializzazione di snowboard.
Va in edicola “Snowboard” la prima rivista italiana
dedicata a tale disciplina.
22Dopo i Campionati del mondo organizzati dalla S.E.A.
(Snowboard
European
Association)
nel
1987,
si
svolgono a Ischgl, in Austria, i primi Campionati del
mondo ufficiali della I.S.F. (International Snowboard
Federation). È il 1993, vincono Michelle Taggart e Kevin
Delaney.
Nel
giugno
dello
stesso
anno,
al
congresso
internazionale della F.I.S. (Federation International du
Ski), lo snowboard viene inserito tra le discipline invernali
e, di conseguenza, la nostra F.I.S.I. nomina una
commissione funzionale per il surf da neve. Ma il
C.O.N.I., a sorpresa, archivia la procedura avviata dalla
F.I.S.I. stessa.
Alle Olimpiadi di Lillehammer del 1994, gli snowboarder
sono invitati per un’esibizione culturale. Ma, dopo aver
espresso la volontà di gareggiare come atleti veri,
decidono di dare forfait.
Subito dopo le Olimpiadi norvegesi, la F.I.S., su esplicita
richiesta del C.I.O. (Comitato Internazionale Olimpico),
23inizia a prendere in considerazione lo snowboard. E nel
congresso
di
Rio
de
Janeiro,
lo
snowboard
è
ufficialmente riconosciuto come disciplina olimpica.
In Italia si svolgono nel settembre del 1994 le prime
selezioni per la formazione della squadra Nazionale in
Val Senales. Andrea Matteoli vince il titolo di Campione
Europeo di SuperG.
È il 1995 quando cinque grandi ditte presentano i primi
modelli di attacchi step-in soft. Si tratta di un evento
ritenuto di grande importanza nella storia del materiale
per lo snowboard.
A Lienz, in Austria, si svolgono i primi Campionati
mondiali F.I.S. Nello
slalom
vincono
gli
italiani Ivo Rudiferia e
Marion Posch.
Nel 1998 per la prima
volta lo snowboard è
L’italiano Thomas Prugger, medaglia d’argento a
Nagano’98 nello slalom gigante
disciplina olimpica con due gare: slalom gigante e half
24pipe. A Nagano vince nel gigante il canadese Ross
Rebagliati seguito dall’italiano Thomas Prugger. Nel half
pipe la medaglia d’oro va allo svizzero Gian Simmen.
In campo femminile vince nel gigante la francese Karine
Ruby e nel half pipe la tedesca Nicola Thost. 3
Ecco in azione il canadese Ross Rebagliati, campione olimpico di slalom gigante (’98)
3
Snowboard 2000 testo ufficiale per l’insegnamento dello snowboard, FISI, Capitolo 1.4 “Storia ed
evoluzione” prima edizione ottobre 1999
25Bob Sorgente e il clan dei bardonecchiesi
All’inizio, alla sorgente, fu Roberto (Bob) Sorgente, un
torinese che, all’alba degli Anni ’80, era uno spericolato
del pattinaggio a rotelle che allora era uno sport-
divertimento assai popolare e soprattutto a bassissimo
costo. Ma Bob, che oggi ha 41 anni e fa l’orafo, era
anche un discreto sciatore. Non appagato, però. Decise
pertanto di provare a volteggiare… in qualche modo
sulle nevi dell’Aquila di Giaveno, che era la stazione
invernale più vicina a Torino (35 Km) e che non esiste
più.
Fu un monosci fabbricato in Francia, il primo attrezzo cui
il giovane Sorgente si affidò per dare sfogo alla sua
nuova passione, che divideva con pochi amici. Tutti,
ovviamente, fantasiosi e scatenati come lui. “Ma il
monosci –racconta– era un ripiego di un sogno forse
proibito. Il monosci, in effetti, era un attrezzo ibrido che
non consentiva neppure l’accenno di una curva. E,
26quindi, assolutamente non divertente. Tant’è che non
ebbe fortuna e presto sparì dal mercato”.
“Ma nel frattempo –prosegue Sorgente– avevo appreso
dell’esistenza di un attrezzo che poteva fare al caso mio:
era lo snow di Burton. In Italia era introvabile. Me lo
procurò un amico che si era recato in America. Fece la
mia felicità. Sostanzialmente ancora artigianale, quella
tavola, in effetti, non era una gran cosa. Mi viene ancora
da sorridere pensando a quel cordino collegato in punta
e manovrabile da una maniglia (snurfer).
Ecco il prototipo dello “Snowsurf” realizzato in 150 esemplari da Bob Sorgente
Manovrando, si poteva poi tenere la punta sollevata dalla
neve, evitando un minimo di attrito… Con la Burton mi
27divertii un paio di stagioni, dopo di ché ebbi l’idea
spudorata di copiarla pari pari. Dopo aver presentato il
prototipo “Snowsurf” al Salone della Montagna, ne
realizzai 150 esemplari che, in qualche modo, piazzai
agli amici. Per quanto mi riguarda, il gioco era già finito.
Ora lo snowboard è solo un bel ricordo di gioventù…”. 4
Un immagine del mitico film prodotto da Didier Lafond “Apocalypse Snow” a Les Arcs
4
Intervista a Roberto “Bob” Sorgente, Torino, gennaio 2003
28Ispirati da Apocalypse Snow
Già, Bob Sorgente… In certo qual modo, pur essendosi
avvalso di un attrezzo americano, il
torinese può essere considerato il
precursore dei precursori dell’italico
snowboard. Sorgente resta comunque
un caso a sé, un
“single”, un
individualista che ha solo sfiorato il
Bardonecchia-Team che, più o meno
Regis Rolland, il protagonista
di Apocalyse Snow
nello stesso periodo, poneva le basi dell’ennesimo
capitolo degli sport della neve, quello appunto, dello
snowboard, dando inconsapevolmente avvio all’Italian-
story su tavola.
Il passo è brevissimo dal Sorgente… (fai da sé) ai
bardonecchiesi che hanno fatto tutto in casa. Alcuni di
loro, Andrea Grisa, gli “adottati” Gianmarco Peri e
Andrea Matteoli, a distanza di vent’anni, vivono ancora
quella grande avventura. Insomma, la tavola è entrata
29stabilmente nella loro vita. E’ il mezzo “sine qua non”
della loro professione.
Chi era Regis Rolland
Grisa, detto Lisko, che è stato il mio
primo
maestro
di
sci
e
di
L’unico ad acquistare
una tavola dagli
americani del Team
Winterstick, che era stato
invitato a Les Arcs, fu un
snowboard, è la mia paziente guida
certo Regis Rolland.
Questo talento
nella ricostruzione della storia dei
pionieristico della tavola
progredì velocemente,
primi “italian pioneers”. Una storia –
divenne bravissimo a
disegnare curve
ricorda–
che
fu
ispirata
dalle
spettacolari.
Fu la stazione di Les
spettacolari,
eroiche
surfate
Arcs a sollecitare perché
realizzasse un filmato
ammirate
nel
film
“Apocalypse
pubblicitario. Realizzato
da Didier Lafond, Sky
Snow” che era stato interpretato a Espace girato nel 1983 e
Les europee del circuito “Nuit
Arcs
dal
francese
Regis
Rolland, noto come il genio “de la
glisse”: “Vedere quel film e provare
un’eccitazione
improvvisa
fu
tutt’uno. Il contagio colpì anche mio
fratello Guido, Marco Cassolini,
Beppe Civiletti, gli amici di mille
diffuso nelle sale
de la Glisse”.
E con Apocalypse Snow
che, grazie a Regis, la
Francia scoprì lo
snowboard. In questo
film Regis compiva
evoluzioni straordinarie,
mai viste prima. E grazie
a Regis Rolland che lo
snowboard cominciò ad
essere conosciuto in
tutto il mondo.
sciate e altrettante “mattane”. Un quartetto di scatenati
30cui poi si aggiunsero Peri e Matteoli (chiamato Matiù), il
vero “kamikaze” del clan. Tutti eravamo provetti sciatori,
ma tutti eravamo un po’ stufi di sciare. Era il 1982 ed io
con alcuni soci avevo appena inaugurato la Scuola di sci
“Frejus 2000”. Per me sciare era diventato un lavoro,
non più un divertimento.
La nostra rivoluzione cominciò con il monosci: ma era
peggio che sciare. Il monosci è un attrezzo limitato e
monotono…”.
Si cambia, pertanto.
Dopo la parentesi monoscistica, Lisko & C. si danno ad
un attrezzo ancor più rudimentale costruito da due sci
uniti sui quali era stata sovrapposta una tavoletta
manovrabile con i piedi. Era lo Swingbo, di fabbricazione
tedesca. Ma non era un bell’andare: si doveva trovare
una situazione meno precaria. “Su insistenza mia e di
Cassolini –spiega il Lisko– affidammo l’incarico a Beppe
Civiletti, che era falegname, di costruire due prototipi più
31vicini, se vogliamo, alla futura tavola. L’attrezzo inventato
dal Beppe è privo di lamine e di soletta.
Non è proprio un granché: lo collaudiamo sulla strada
della Rho. Nonostante il nostro impegno, non riusciremo
mai a curvare!
E’ l’inverno del 1983 quando presso il negozio di Angelo
Zambito di Biella acquistiamo finalmente una tavola
quasi vera, l’americana Burton, l’evoluzione di quella di
Bob Sorgente che aveva da un paio di mesi, senza che
noi lo sapessimo. Alla buon’ora possiamo cominciare
davvero a divertirci.
Il gruppo intanto si è allargato con l’avvento di Walter
Perron, Paolo Colomb, Alberto Bergoin. Ora siamo una
decina. La nostra è una squadra che si sposta
portandosi appresso i pali da slalom, le scatole della
sciolina, i sacchi a pelo. Naturalmente, viaggiamo a
nostre spese.
Sono Chamonix e Les Deux Alpes le località più
frequentate per le nostre scorribande. Surfare in neve
32fresca sotto il maestoso scenario del Monte Bianco è
come passeggiare sulle nuvole.
Ma non siamo ancora competitivi… Un giorno mentre
Andrea “Lisko” Grisa a Les Deux Alpes nel 1983 con uno dei primi snowboard.
33stiamo surfando allo Jafferau, entriamo in contatto con
Sergio Aghemo, che scopriamo montare un altro tipo di
tavola. Aghemo è un geniale artigiano pieno di
entusiasmo e di spirito di iniziativa. Sarà lui a produrre le
tavole “Wintersurf”, un attrezzo che da un buona resa”.
Così
giunge
l’ora
del
debutto
agonistico
del
Bardonecchia-Team: “Avviene a St. Moritz –racconta
sempre più infervorato il Grisa–, dove è in programma
una gara di discesa libera. Roba da matti; ne usciamo
Una rara foto dei Derby che si disputavano a cavallo degli Anni ’80-‘90
34indenni, ma io cado subito. È decisamente ancor più
rischiosa ed eccitante il cosiddetto “Derby” che è
organizzato a Serre-Chevalier.
Si parte tutti insieme dalla cima di una montagna che,
quel giorno, è avvolta in una fitta nebbia. E giù, dentro
nel bosco… Più che a vincere si bada a sopravvivere. A
Serre-Chevalier ottengo un incredibile terzo posto. Si
esalta anche il generoso Aghemo che diventa il nostro
sponsor e che, preso da un raptus di megalomania,
manda me, Matteoli e Peri a fare esperienza sulle nevi di
Vail, nel Colorado.
Quella sì che era vita… Purtroppo non è ancora tempo di
tavole, lo snowboard è ancora considerato uno sport da
pazzerelloni… Aghemo fallisce. E noi siamo ancora con i
piedi per terra”.
Ma Grisa & C. non si arrendono e, tramite Nicola
Bizzarrini che spesso trovano alla partenza delle gare,
vengono a conoscere l’austriaco Lui Holzinger, ex
costruttore di wind-surf, che abita a Rovereto. Holzinger
35costruisce tavole, chiamate “Tropical Tube”, che sono
molto veloci…
Matteoli, che è il più dotato di noi, conquista il titolo
europeo di SuperG, due gare di Coppa del mondo e vari
titoli italiani. Io, che non sono mai stato un grande
agonista, divento il suo consigliere tecnico…”.
Siamo arrivati all’alba del 1990.
Tre anni dopo, la F.I.S.I. comincerà a raccogliere i frutti
delle esperienze dei pionieri di Bardonecchia. Grisa,
Matteoli e C. non nascondono di esserne fieri. 5
5
Intervista ad Andrea “Lisko” Grisa, Bardonecchia, dicembre 2002
36“Lisko” Grisa (a destra), l’artigiano Lui Holzinger e Andrea “Matiu” Matteoli (a sinistra)
37Già 300 mila i praticanti in Italia
e che spinta dai Giochi del 2006!
A colloquio con Gianmarco Peri,
coordinatore delle squadre nazionali
Quanti sono i praticanti dello snowboard in Italia? A fare
la stima è Gianmarco Peri, vicentino che vive a Torino da
sempre,
14
Bardonecchia,
anni di
dal 1994
militanza
direttore
nello
Sci Club
agonistico delle
squadre azzurre. Ma, soprattutto, uno dei pionieri-
divulgatori
del
verbo
snowboardistico nel Bel
Paese.
Peri ha calcolato che, in
Peri in azione durante le prime gare in Italia
Italia,
il
fenomeno
snowboard coinvolga almeno 300 mila persone. Ha
anche aggiunto che in Europa il numero dei praticanti
supera il milione e mezzo e che negli Stati Uniti, il 50%
38degli
abituali
frequentatori
delle
stazioni
invernali
vadano… a tavola. L’hanno preferita agli sci.
A Peri ho anche chiesto quale sia stata, in percentuale,
la crescita dei praticanti dello snowboard rispetto a dieci
anni fa: “Si può sicuramente parlare di un incremento del
40% e anche più”, questa la risposta.
Anche se non suffragata da statistiche ufficiali (e
neppure ufficiose), la stima fatta dall’esperto Peri è
sicuramente vicino alla realtà. Del resto, dalla F.I.S.I. non
ho potuto ottenere neppure il dato relativo ai propri
tesserati –snowboard. Subito vanificato, dunque, il
progetto di fare una comparazione tra i tesserati dello
snowboard dal 1994 ad oggi, come era nelle mie
intenzioni.
Con una certa sorpresa, ho infatti appreso che la F.I.S.I.
è in grado di fornire soltanto il dato globale relativo ai
suoi tesserati. Il dato, dunque, che somma i tesserati di
tutte le discipline che alla federazione fanno capo: dallo
sci alpino al biathlon, dalla combinata nordica al bob e
39allo slittino. Sul sito Internet della F.I.S.I., per quanto
riguarda la stagione 2001-2002, erano comunque
riportati questi dati: 102 le società praticanti snowboard,
656 e 150 rispettivamente gli atleti e le atlete in attività. 6
Decisamente un quadro scarno e troppo generico.
Che il fenomeno snowboard, al di là dei dati più o meno
presunti, sia in grande espansione in Italia e nel mondo è
comunque visibile … a occhio nudo. E ad ogni week-
end.
Questa è l’analisi di Peri: “L’esplosione dello snowboard,
quando finalmente sono state prodotte tavole vere, è
stato immediata. La nuova disciplina non ha avuto
difficoltà a sedurre i giovani per via delle sue intrinseche
caratteristiche: inserita nella gestualità dei suoi praticanti
c’è quasi un senso di libertà, niente bastoncini, cioè
nessun punto d’appoggio, indipendenza assoluta…
Eppoi l’abilità del rider sui terreni vergini, la neve soffice
6
Dall’ufficio stampa FISI e dal sito internet www.fisi.org
40e profonda. Insomma, nel suo DNA c’era già un destino
vincente…”.
–Anche le Olimpiadi hanno aiutato questa disciplina
già piena di suggestioni e divertente a sfondare.
Anzi, a bruciare le tappe…
“Nessun dubbio al riguardo. Nagano, dove lo snowboard
ha fatto il suo esordio olimpico, è lontana, molto lontana:
ma l’eco del successo ottenuto in Giappone si è “tout-
court” diffuso a macchia d’olio. Alle gare di Nagano,
Un’immagine di un atleta che si esibisce acrobaticamente nell’affollata area di Salt Lake City
41soprattutto in occasione dello slalom gigante, nell’arena
che lo ha ospitato erano presenti dieci mila spettatori,
nonostante la diretta tivù. E la recente Olimpiade di Salt
Lake City è stato un evento ancor più straordinario, una
tappa fondamentale nella storia dello snowboard.
Durante
dalla
le
gare,
spettacolare
postazione
sopraelevava
dei
commentatori
televisivi, si vedeva
un’immensa folla che
sventolava
le
bandierine di tutto il
mondo.
Per
competizione
una
di
snowboard 25 mila
spettatori sono forse
un
record
L’italiano Giacomo Kratter esulta dopo il 4° posto conquistato
a Salt Lake City davanti a 25.000 spettatori nell’half pipe
42insuperabile. In tanti hanno assistito alle gare olimpiche
americane”.
–E l’Italia, che accade in Italia?
“Ho parlato di 300 mila praticanti, posso ancora
aggiungere che, oggi come oggi, più del 30% degli
abituali frequentatori delle nostre stazioni invernali dalle
Alpi agli Appennini preferisce la tavola agli sci. È una
marea in piena, che tende a crescere”.
–Ora lo snowboard sta conquistando anche le piazze
delle grandi città…
“E ben di più di quanto abbia fatto a suo tempo l’atletica
all’epoca d’oro del presidente Nebiolo che aveva portato
in piazza il salto con l’asta del pluriprimatista Sergey
Bubka. Del resto, la spettacolarità dello snowboard è
assoluta garanzia di successo, come ha recentemente
dimostrato la tappa di Coppa del mondo di Big Air che si
è tenuta in piazza Vittorio Veneto a Torino. Un pre-
antipasto olimpico di grande effetto.
43E, prima di Torino, Berlino aveva già organizzato un
appuntamento di coppa di Big Air, la specialità del salto
acrobatico. Anche Zurigo, Monaco di Baviera, Marsiglia,
Strasburgo sono stati teatri di applauditissime esibizioni
di snowboarder. Voglio anche ricordare che in Giappone,
negli Stati Uniti, in Olanda, nel Canada si stanno
costruendo strutture mobili per portare lo snowboard
nelle città”.
–E Torino, lanciato verso le Olimpiadi, cosa saprà
dire?
“I Giochi saranno la conferma dello snowboard tra le
discipline
trainanti
del
cosiddetto
Circo
bianco.
Certamente, dopo il 2006, le nostre stazioni invernali, le
più grandi, le più piccole, le più famose e le meno note,
molto vivranno di snowboard”. 7
7
Una testimonianza di Gianmarco Peri, Torino, febbraio 2003
44C hi, come, dove e perché
Il sillabario dello snowboard
In occasione della Coppa del mondo di Big Air, che si è
svolta a Torino lo scorso febbraio, Blix Organization
Committee al programma della manifestazione ha
abbinato
questa
simpatica,
sintetica,
efficacissima
presentazione dello snowboard. Mi è piaciuto riprodurla,
unitamente al titolo
“Lo sport della neve che emoziona e conquista…”
CHI
Lo snowboard è un sport adatto a tutti, anche ai bambini.
E’ la risposta più sorprendente e affascinante per chi
vuole provare emozioni assolutamente nuove e diverse.
COME
Una delle caratteristiche che rendono lo snowboard così
d’appeal è proprio la facilità con cui si impara ad usare la
tavola, molto più in fretta del tradizionale sci.
45Si tratta infatti di uno dei pochi sport che, superati i
preconcetti, può dare sensazioni ed emozioni uniche a
chiunque e a qualsiasi età. Non occorrono particolari
capacità atletiche o tecniche. Dopo una sola settimana di
lezioni si è grado di scendere da qualsiasi pista.
DOVE
Lo snowboard può essere praticato ovunque, anche
sulle piste che oramai ci avevano annoiato perché troppo
larghe e piatte, e soprattutto troppo brevi da percorrere.
Con lo snowboard, infatti, tutto cambia, anche la solita
pista. Ogni curva è un'esperienza sempre nuova, il
percorso segue linee trasversali e viene “vissuto” di più,
viene gustato in modo diverso e divertente.
Lo snowboard può essere praticato anche sulle piste
primaverili, dove con la tavola galleggi e ti diverti, mentre
con gli sci t'impantani e annaspi.
46PERCHÉ
Perché lo snowboard è divertimento allo stato puro, in
cui l’adrenalina del surf si mescola ai jump nella neve
fresca.
Perché proprio la posizione apparentemente instabile si
trasforma in un'arma di libertà e di flessibilità inaspettate,
una volta presa confidenza con la tavola.
Perché è uno sport che fa bene. Impegna tutto il corpo:
le gambe, le braccia, il busto e soprattutto i muscoli
addominali, sollecitati dal continuo alzarsi e abbassarsi
del rider.
Perché, a differenza dello sci, si scopre che lo
snowboard si adatta immediatamente a tutti i tipi di neve,
e in particolare, alla neve fresca, la cosiddetta “powder”,
per
un'esperienza
assolutamente
naturale
ed
indimenticabile. 8
8
Tratto dal sito della Blix Organization Committee: www.blix2003.it
47A Madonna di Campiglio
il primo “Snowpark”
Sono una cinquantina, dalla Valle d’Aosta al Lazio, gli
snowpark in Italia.
Il primo nato –s’intende uno snowpark permanente– è
quello di Madonna di Campiglio, che è stato inaugurato
nel 1995 e seguito da quello di Prato Nevoso, le cui
prime strutture risalgono addirittura al 1986. 9
Lo snowpark di Madonna di Campiglio, denominato
“Ursus”, è considerato un autentico modello per quanto
riguarda le attrezzature e la funzionalità. Esso è gestito
da due riders locali con un passato da professionisti
Alessio e Alberto Schiavon che operano con la
collaborazione della Società Funivie di Madonna di
Campiglio, l’APT (Azienda Promozione Turistica) e le
locali scuole di sci/snowboard. 10
9
Libro decennale Snowsurf Prato Nevoso 1986-1996
Testimonianza di Alessio e Alberto Schiavon, Madonna di Campiglio, gennaio 2003
10
48URSUS è così strutturato:
• AREA BEGINNER per principianti e snowboarder
che vogliono avvicinarsi al mondo del freestyle.
• AREA INTERMEDIATE per riders che vogliono
migliorare il loro livello, divertirsi con salti più grandi
o cimentarsi nello slopestyle.
• AREA ADVANCED tre strutture grandi e tecniche
per soddisfare le esigenze di quelli che del “volare”
hanno fatto una ragione di vita. L’accesso a queste
strutture non è sempre consentito ed è richiesta
una seria autovalutazione prima di affrontarle.
• URSUS HALF PIPE 100 metri di half pipe shapato
due volte la settimana: è la soluzione per chi vuole
praticare o allenarsi nella disciplina olimpica dello
snowboard.
• AREA QUARTERPIPE sempre più presente nelle
competizioni di tutto il mondo questa struttura è
ormai un classico di Madonna di Campiglio. È a
49disposizione di chi voglia andare più in alto degli
altri. 11
Una panoramica dello Snowpark di Madonna di Campiglio sotto le Dolomiti di Brenta
Ma ecco l’attuale situazione degli snowpark in Italia 12 :
• Valle d’Aosta: Courmayeur, Cervinia, Pila
• Piemonte:
Alagna,
Bielmonte,
Domobianca,
Limone, Macugnaga, Prali, Prato Nevoso, San
Domenico, Sestriere, San Sicario, Severo, Pian
Benot, Val Formazza
11
12
dal sito internet www.funiviecampiglio.it/ita/inverno/snowpark.htm
dall’ufficio stampa Blix Organization Committee
50• Lombardia:
Chiesa
in
Valmalenco,
Livigno,
Madesimo, Santa Caterina Valfurva, San Simone
Valleve, Passo del Tonale
• Trentino Alto Adige: Alpe di Siusi, Madonna di
Campiglio, Merano, Marilleva, Paganella, Val
Senales, Canazei, Altopiano Brentonico. Monte
Bondone, Passo del Broncon, Passo S. Pellegrino,
Obereggen
• Veneto: Alleghe, Sappada, Bassano del Grappa
• Friuli Venezia Giulia: Piancavallo
• Emilia Romagna: Monte Cimone, Corno alle Scale
• Marche: Frontignano
• Abruzzo:
Campo
Imperatore,
Campo
Felice,
Maielletta, Ovindoli, Passo Lanciano, Roccaraso
• Lazio: Terminillo
Nota:
Gli snowpark, in questi ultimi tempi; sono sorti come
funghi e continuano a diffondersi. Non tutti sono strutture
51permanenti. C’è anche da precisare che non sempre gli
snowpark sopra elencati sono completi di half pipe, pista
da snowboard cross, vari salti e rails.
Un’immagine dello Snowpark di Prato Nevoso che fa parte del comprensorio del Mondolé Ski
52PARTE SECONDA
Verso le Olimpiadi
53Le gare olimpiche e di Coppa del Mondo
Attualmente le specialità olimpiche dello snowboard
sono:
-Lo Slalom Gigante Parallelo
– L’Half Pipe
-Lo Snowboard Cross
Slalom gigante parallelo
Lo slalom gigante è una specialità nel quale gareggiano
due concorrenti che scendono sulla stessa pista
affiancati su due percorsi che si presentavano paralleli.
I tracciati, la configurazione del terreno e la preparazione
della neve devono essere il più possibile identici. Il
dislivello, tra la partenza e l'arrivo, deve essere
compreso tra i 120 – 200 mt.
54Una bellissima immagine del gigante parallelo delle Olimpiadi di Salt Lake City 2002
55La gara è preceduta da una manche di qualificazione: i
primi 16 classificati sono introdotti nel tabellone ad
eliminazione diretta in base al tempo ottenuto. I
qualificati si affrontano in due manches a percorsi
invertiti. Supera il turno chi ha il miglior tempo
complessivo. Ogni manche ha un “penality time” per chi
non conclude la prova o esce dal tracciato. A parità di
penality time va avanti chi si è imposto nella seconda
manche.
Half Pipe
Il tracciato è un mezzo tubo di neve, un toboga innevato
a forma di mezzo cilindro, half pipe, appunto, lungo circa
120 m, con una pendenza del 15-17%. Lo svolgimento
tecnico della prova, considerata l’espressione massima
dello snowboard, consiste nella capacità dell'atleta di
uscire dai muri laterali e di rientrarvi facendo in aria sei-
sette evoluzioni, chiamate “uscite” e utilizzando tutta la
lunghezza del pipe. Ogni atleta sceglie una base
56musicale
che
accompagna
lo
per
tutta la durata della
sua prestazione.
I riders sfruttano la
pendenza
struttura
Spettacolare “uscita” di Ross Powers, campione olimpico del 2002
della
per
controllare la
velocità di
percorrenza e
compiere manovre
acrobatiche come salti dritti e figure complesse con
rotazioni su tutti gli assi cartesiani. Il “pipe”, ripeto, per
difficoltà e fantasia è lo Zenith dei “freestylers”.
È l'unica specialità olimpica in cui uomini e donne
gareggiano sulla stessa pista, alternandosi in due run.
57Una stupenda immagine dell’Half Pipe delle Olimpiadi di Salt Lake City del 2002
I giudici dell’half pipe sono cinque e ognuno di loro valuta
un aspetto della prova, assegnando punti in base alle
manovre dritte senza rotazioni, alle rotazioni, all'altezza
e ampiezza delle manovre e alla qualità tecnica
dell'esecuzione della prova. Le prime sei donne e dieci
uomini che ottengono il punteggio più alto nelle due run
(prove) di qualificazione, accedono alla finale.
58La finale è costituita da due run: il miglior punteggio
ottenuto in una delle due prove determinerà il vincitore e
la classifica finale.
Snowboard Cross
Lo snowboard cross si è affacciato nel calendario di
Coppa sul finire degli Anni ’90 ed è l’unica disciplina in
cui competono sia le tavole soft sia quelle hard. Erano
stati i francesi i primi ad organizzare gare di questo tipo
che avevano preso il nome di DERBY, come le corse dei
cavalli. Vi partecipavano anche 16-20 concorrenti (se
non di più) che scendevano a tutta birra lungo un
percorso sconosciuto in fuoripista. A volte nel bosco.
Con il tempo le cose andarono modificandosi, fino a
raggiungere uno standard di realizzazione dei percorsi.
Viene regolamentato lo svolgimento delle competizioni
attraverso normative severe. E il boardercross cominciò
ad essere televisivamente apprezzato.
59Che lotta in mezzo alle “Whoops” (gobbe) di Pozza di Fassa nel superboardercross a 8!
Oggi nello snowboard cross si gareggia in un percorso
ispirato un po’ alle piste di motocross e composto da più
sezioni: gobbe, salti, paraboliche, onde, serie di
paraboliche, canali, corner, spirali a 360°. Si tratta di un
percorso che fornisce la più grande varietà di terreni-
ostacoli. Si sviluppano cambi di direzione con una buona
scorrevolezza, si alternano sezioni ripide ma a bassa
velocità di percorrenza e sezioni piatte ma ad alta
velocità di percorrenza. Si parte in contemporanea in 4
60(in alcune gare anche in 6-8). Il tabellone finale è
anticipato da una qualifica a tempo in cui i concorrenti
scendono da soli. Esso stabilisce gli abbinamenti delle
batterie. Nelle successive eliminatorie si gareggia in
quattro, superano il turno i primi due. E così sino alla
finalissima che vedrà in lizza i quattro “sopravvissuti”.
Si scatena la bagarre alla partenza del Superboardercross dello “Snowboard Classic” di Madesimo
61Le altre discipline attualmente nel calendario della
Coppa del mondo, ma non olimpiche, sono il Big Air
(ultima entrata) e lo slalom parallelo.
Big Air
La gara vera e propria è preceduta, come avviene nella
discesa libera dello sci alpino, dalle prove libere. Gli atleti
hanno circa 2 ore per testare la pista e prendere
confidenza
con
le
manovre
acrobatiche
che
effettueranno in gara. Durante le prove è prevista la
“photo session”.
In gara, tutte le manovre eseguite dagli atleti verranno
valutate da una giuria internazionale che assegnerà un
punteggio in base alla complessità tecnica del salto, la
sua esecuzione, lo stile e l’abilità del rider di ritrovare il
giusto assetto per l’atterraggio. Chi riuscirà a compiere
delle manovre con un coefficiente di difficoltà elevato,
come la combinazione di più rotazioni sugli assi,
approcciando il salto scivolando all’indietro (switch side),
62Un Big Air notturno in occasione dello “Snowboarder Classic” organizzato dalla Gazzetta dello Sport
avrà migliori probabilità di raggiungere la finale.
All’inizio lo snowboard comprendeva anche il SuperG, il
gigante e lo slalom speciale.
Per rendere più spettacolare e più televisive le gare il
gigante e lo speciale sono stati convertiti in altrettanti
paralleli. Per quanto riguarda lo slalom speciale
parallelo, sopravvissuto in Coppa del mondo, c’è da dire
che si tratta di uno slalom con porte più avvicinate
rispetto al gigante. Proprio come nello sci alpino. È
63sparito il SuperG, che era una gara a manche unica,
decisamente troppo lunga. E quindi piuttosto noiosa e
pericolosa. Agli italiani, però, aveva portato fortuna
(leggi: vittorie Matteoli e Colturi).
Nota: Al debutto a Nagano, nel 1998, al posto dello
slalom gigante parallelo, si era disputato il gigante
normale. Lo “snowboard cross” è l’ultima specialità
promossa dal CIO (febbraio 2003).
64Le piste e gli impianti di Bardonecchia/Melezet
per i prossimi Giochi invernali
Tor ino corre veloce verso i Giochi del 2006. Per l’Italia
sarà il terzo appuntamento con le Olimpiadi dopo i grandi
successi, anche organizzativi, di Cortina 1956 e di Roma
1960.
Era il 19 giugno del 1999 (vale la pena ricordarlo),
quando la 109° sessione del CIO, riunita a Seoul,
assegnò alla Capitale subalpina la 20° edizione delle
Olimpiadi invernali.
Da quel giorno, tra alterne vicende, tra scontri politici
assortiti e quindi con qualche ritardo, il Comitato
organizzatore
(TOROC),
presieduto
da
Valentino
Castellani, è impegnato a realizzare la colossale impresa
che, avendo quale epicentro Torino, coinvolgerà la
Valsusa e le Valli del Pinerolese.
Allestire
un’Olimpiade,
è
un’impresa
di
notevole
complessità, ma indubbiamente esaltante: e, se ben
65condotta, apportatrice di importanti e duraturi lasciti (e
non solo turistici) per Torino, la sua Provincia, nonché la
Regione Piemonte. E, in quanto a immagine, per l’Italia
tutta.
Come sempre accade in un’Olimpiade invernale lo sci
alpino e il fondo saranno i piatti forti, il cosiddetto “clou”
della manifestazione, ma è più che probabile, come
sottolinea il dottor Elio Locatelli, direttore della funzione
Sport del TOROC: “…che molto successo avranno le
gare di snowboard, lo sport che ha conquistato le nuove
generazioni e che potrebbe rubare spazio alle discipline
classiche, dalle tradizioni centenarie. Ed essendo lo
snowboard, in tutte le sue espressioni, uno sport
decisamente giovane e quindi proiettato con forza nel
futuro, sarà proprio nelle struttura dell’half pipe, un
impianto in certo senso inedito, e in quelle del freestyle,
che dovremo essere perfetti”. 13
13
Intervista a Elio Locatelli, Torino, febbraio 2003
66Le gare di snowboard, come è noto da tempo, saranno
concentrate nel comprensorio di Bardonecchia (1312
metri), più precisamente nella bella frazione di Melezet.
E a Melezet, dove esiste una storica Scuola di sci, nella
quale militò il giovane Pierino Gros, che avranno luogo i
lavori più impegnativi (e costosi): la costruzione di un
vero e proprio stadio per l’half pipe che si estenderà su
una superficie di 15.500 metri quadrati.
L’arena di Melezet potrà ospitare 15 mila spettatori, di
cui 5 mila seduti.
Le tre competizioni olimpiche saranno tutte concentrate
sulle piste 23 e 24 tra i 1780 metri e i 1400 del traguardo.
I lavori previsti, che inizieranno il prossimo maggio per
concludersi alla fine del 2004 e con il primo test-event
all’inizio
del
2005,
si
possono
sintetizzare
così:
sistemazione della pista 23 riservata allo slalom gigante
parallelo
maschile
e
femminile
e
alla
recente,
riconosciuta disciplina dello snowboard cross. La pista
sarà sostanzialmente modificata con l’ampliamento della
67parte finale adibita a traguardo e adeguata alle norme
FIS.
Le foto del progetto dell’Agenzia Torino 2006 delle piste numero 23 e 24 a Melezet
68La realizzazione della pista dell’half pipe per le gare
maschili e femminili, ed opere a questo impianto
connesse, avverrà nella parte bassa dell’attuale pista 24.
Il previsto conto dei lavori è stato calcolato in 755.878,27
Euro, come si legge sul progetto definitivo dell’Agenzia
Torino 2006.
L’esperto Andrea Grisa, bardonecchiese DOC (vedi:
quarto capitolo), illustrandomi il campo delle gare
olimpiche di snowboard, ha detto: “La pista 23 è già stata
collaudata da due prove di Coppa del mondo di parallelo
e di gigante, nonché da una gara di Coppa Europa di sci.
Si tratta di un pendio ideale, mediamente ripido. E’ quasi
in verticale; un tracciato tutto dritto, insomma. Gli
spettatori sul traguardo potranno seguire le gare dalla
partenza all’arrivo. Cosa che non accadde né a Nagano
né a Salt Lake City dove la pista era visibile solo a
tratti”. 14
14
Intervista ad Andrea “Lisko” Grisa, Bardonecchia, dicembre 2002
69Per
Bardonecchia
che
fu
la
prima
stazione
ad
organizzare i Campionati italiani di sci nel 1909 e che,
con i fratelli Harald e Trigwe Smith, inaugurò il primo
trampolino italiano di salto, l’Olimpiade sarà l’occasione
di un nuovo storico evento: il grande battesimo
dell’ultimo e già amatissimo rampollo degli sport
invernali.
Una bella panoramica di Bardonecchia, sede delle gare olimpiche di snowboard
70Le date delle 6 gare
olimpiche ai Giochi
Ecco le date e gli orari delle 6 gare di snowboard che si
svolgeranno a Bardonecchia nella frazione di Melezet:
Domenica 12 febbraio 2006
dalle ore 10: 00 alle 11:30 qualificazioni Half Pipe M
dalle ore 14:00 alle 15:30 finali Half Pipe M
Lunedì 13 febbraio 2006
dalle ore 10: 00 alle 11:30 qualificazioni Half Pipe F
dalle ore 14:00 alle 15:30 finali Half Pipe F
Giovedì 16 febbraio 2006
dalle ore 10:00 alle 11:00 qual. Snowboard Cross M
dalle ore 14:00 alle 15:00 qual. Snowboard Cross F
71Venerdì 17 febbraio 2006
dalle ore 10:00 alle 11:00 finali Snowboard Cross M
dalle ore 14:00 alle 15:00 finali Snowboard Cross F
Giovedì 23 febbraio 2006
dalle ore 10:00 alle 11:00 qual. Gigante Parallelo M
dalle ore 14:00 alle 15:00 qual. Gigante Parallelo F
Venerdì 24 febbraio 2006
dalle ore 10:00 alle 11:00 finali Gigante Parallelo M
dalle ore 14:00 alle 15:00 finali Gigante parallelo F
72Lo snowboard approda in città
Che lo snowboard, nella sua più acrobatica espressione
del Big Air, sia calato dalla montagna per approdare –e
con un certo successo– nelle piazze di qualche città ne
ha già fatto cenno nella sua testimonianza Gianmarco
Peri (vedi: quinto capitolo). E l’ottimismo di Peri sulla
diffusione urbana dello snowboard si è vieppiù fortificata
dopo quanto è accaduto a Torino in due occasioni: la
prima il 1° di marzo del 2002 quando la città, che
ospiterà i Giochi invernali del 2006, prese ufficialmente in
consegna la bandiera olimpica che il sindaco di Salt
Lake City consegnò al collega Chiamparino; eppoi, lo
scorso febbraio, per una tappa di Coppa del mondo di
Big Air.
In entrambe le circostanze, l’affluenza dei torinesi in
quella che è conosciuta come la piazza più grande
d’Europa senza monumenti è stata addirittura superiore
alle più rosee aspettative. Si, lo snowboard nella sua
73travolgente “escalation”, sta allargando i suoi montani
confini
originari
e,
pur
occasionalmente,
ha
già
dimostrato di poter conquistare anche le metropoli.
Un’operazione non semplice, però.
Occorre infatti creare e poi posizionare gigantesche
strutture e quindi innervarle. Bene: sulla struttura che ha
trasformato la famosa piazza torinese in un enorme
snowpark ho chiesto precise informazioni al progettista
della rampa di piazza Vittorio: Roby Moresi, attuale C.T
del freestyle azzurro, classe 1974, diplomato geometra,
variegata esperienze nel campo degli sport invernali
nell’Ossolano, a Livigno, dove ha operato nell’half pipe
più efficiente d’Italia, ed oggi a Courmayeur, dove vive.
Snowboarder Magazine ha definito Moresi: “…il noto
artista italiano nella costruzione e nella progettazione di
strutture per snowboard…”. 15 Ma Moresi, con modestia,
ci tiene a precisare: “È sempre un ingegnere che firma
l’opera, io collaboro. Certo, in tutti questi anni, ho
15
“ Snowboarder Magazine” numero 51 aprile 2002 Life Edizioni
74maturato
impianto
una
notevole
olimpici
esperienza.
sarebbe
la
Progettare
mia
gli
massima
aspirazione…”.
Quindi un'altra precisazione: “Si parla tanto di piazza
Vittorio, ma è giusto ricordare che, già nel 1997, Milano
presentò l’ ”Urban High”, poco dopo imitata da Modena.
E la gara di Coppa del mondo, prima di Torino, si erano
già svolte a Berlino, Monaco, Salisburgo e in America.
Altre città si sono prenotate per i prossimi appuntamenti”.
Il prospetto della rampa di
Big Air in Piazza Vittorio
75Lo snowboard in città, dunque.
“Esiste un progetto unico per quanto riguarda la
cosiddetta rampa; un progetto standard per le prossime
competizioni, –spiega Moresi– ma saranno le singole
municipalità a far realizzare la struttura dove si
esibiranno i riders ingaggiati. Quelli che garantiranno lo
spettacolo.
Per quanto riguarda l’impianto di Torino, esso ha potuto
essere realizzato grazie agli sponsor del settore, ai
contribuiti della Regione, della F.I.S.I. L’intento non era
quello di ricavare utili; l’intento era solo promozionale.
Esperimento riuscito, credo. E, quindi, ripetibile”.
Moresi batte (soprattutto) sul tasto della promozione: “A
Torino, in occasione dell’appuntamento di Coppa del
mondo di Big Air, ha dato proficui risultati il Campetto
scuola organizzato dal Blix Snowboard Tour, un piccolo
impianto costruito a fianco della grande rampa per chi
voleva cominciare a capire come si poteva “venir giù” e
divertirsi con una tavola al posto di un paio di sci ai piedi.
76Sono stati centinaia i ragazzi che, assistiti dai maestri
F.I.S.I., hanno provato l’emozione di questo nuovo sport
di cui tanto avevano sentito parlare. Un bel colpo sotto
l’aspetto promozionale… Ora l’intenzione è quella di
portare lo snowboard anche nelle scuole. È un’idea non
facile da realizzare. Non impossibile, però”.
Il campo scuola e la grande rampa.
Un’immagine di Piazza Vittorio Veneto, dove lo snowboard ha esordito a Torino
“La mini struttura impiantata a Torino –dice Moresi– era
costituita da una pista lunga 40 metri, larga 10, disvello
777,5 e con due livelli d’accesso, a seconda dell’abilità
degli aspiranti riders: a 5 metri per i principianti, a 7,5 per
i più abili. Accanto al campo scuola, un noleggio per
l’attrezzatura, che era gratuita per i gruppi organizzati.
Sicuramente Torino, in quei giorni, ha fatto nuovi
proseliti”.
“Certo la rampa –conclude Moresi– sembra quella di
Cape Canaveral… Ma non è difficile realizzarla: basta un
progetto che è sempre uguale, una ditta di impalcature e
poi la neve. Quella di piazza Vittorio è arrivata da Prato
Nevoso e ha ricoperto 18 mila metri quadrati di pista.
La neve trasportata è un grosso risparmio rispetto
all’innevamento con i cannoni, che sono simili a quelli
che si trovano sulle piste da sci e che, grazie ad un
particolare sistema di raffreddamento ad azoto liquido,
creano neve anche ad alte temperature. Questo però è
un sistema costosissimo”. 16
16
Intervista a Roby Moresi, Courmayeur, febbraio 2003
78Dall’alto al basso: due immagini della rampa della gara di Coppa del mondo di Big Air in Piazza Vittorio
79Come si allenano i campioni della Nazionale
Metodologia della preparazione atletica
Per quanto riguarda la metodologia della preparazione
atletica ad alto livello –e quindi delle squadre azzurre– di
molto aiuto mi è stato Cesare Pisoni, il responsabile del
corso di formazione degli allenatori di snowboard che,
dal 1998, opera nell’ambito della Nazionale.
A Pisoni, milanese, classe 1968, diplomato ISEF e
laureato a Digione in “Scienze e tecniche delle attività
fisiche e sportive”, ho chiesto tra l’altro quale fosse la
sua opinione sulla rapida affermazione presso le nuove
generazioni dello sport della tavola.
“Sicuramente è la facilità di apprendimento che ha
favorito l’esplosione dello snowboard. Che è disciplina
decisamente divertente, quasi un gioco di equilibrio.
Proprio il contrario dello sci notoriamente nato come
attrezzo di lavoro o di trasferimento, soprattutto nella
regione Scandinava. Si può davvero dire che lo
80snowboard sia uno sport assolutamente diverso, il frutto
più che altro di una cultura urbana, il figlio affermato
dello skateboard. Andare con la tavola, in effetti, è un
modo diverso di sciare. È volare sulla neve”.
Lo sci e lo snowboard…
“Sport diversi anche se simili. La diversità riguarda
eminentemente la posizione: lo snowboard è uno sport a
traslocazione trasversale, lo sci a traslocazione frontale.
Ad alto livello non fa molta differenza “provenire” dalla
pratica dello sci, da altri sport di equilibrio o dal nulla.
Come ho detto, imparare a surfare non è un grosso
problema.
Diventare e restare campioni, per contro, impone un
impegno severo e duri allenamenti”.
Ebbene, a proposito della preparazione atletica della
Nazionale, c’è molto da dire… Con l’aiuto di Pisoni, ci
provo.
Sicuramente la preparazione atletica nello snowboard ad
alto livello richiede un’analisi attenta delle caratteristiche
81della disciplina praticata. Occorre infatti differenziare le
metodiche di allenamento a seconda che l’atleta si
dedichi:
• Alle discipline alpine (slalom gigante parallelo,
slalom
gigante,
slalom
parallelo,
slalom,
supergigante)
• Allo Snowboard Cross
• Al freestyle (half pipe e Big Air)
Le tre discipline in questione hanno in effetti delle
caratteristiche non del tutto uguali per quanto riguarda il
modello prestativo.
Pertanto l’impegno fisico dello snowboardista varia a
seconda della disciplina praticata. Infatti, se nelle
discipline alpine il tipo di impegno muscolare è molto
simile a quello dello sci alpino, nel freestyle si ha una
richiesta di esplosività nettamente superiore e notevoli
devono essere le doti di controllo del corpo. Nello
snowboard cross, infine, sarà molto importante poter
82contare su una buona struttura muscolare a causa della
possibilità di rudi contatti fisici.
Non va poi dimenticato che lo snowboard è uno sport
asimmetrico e, pertanto, nella preparazione atletica a
questa pratica sarà compito del preparatore cercare di
compensare eventuali asimmetrie che possono crearsi a
livello muscolare.
Altro elemento da non sottovalutare sarà l’aspetto
motivazionale,
soprattutto
in
considerazione
della
giovane età di questo sport e, di conseguenza, della
poca abitudine ad allenarsi da parte di molti atleti.
Discipline alpine
• Durata di gara dai 30 ai 90 secondi
• Il meccanismo aerobico non è un fattore limitante
(VO2 max intorno al 50/65%)
• Produzione di lattato max 10/12 mmol
• Componente coordinativa determinante per la
prestazione così come la potenza alattacida
83Nelle gare alpine (slalom parallelo, gigante parallelo e
gigante) la durata delle competizioni può andare da 30 a
90 secondi con un impegno muscolare che varia molto in
considerazione delle pendenze e dei tracciati. Il
meccanismo di produzione di energia aerobico non è un
fattore limitante la prestazione, infatti non si usa più del
55/65% del VO2max e la quantità di lattato può
raggiungere al massimo le 10/12 mmol.
La componente più importante nella prestazione è da
considerarsi la potenza alattacida che permette all’atleta
di adattarsi nella maniera più rapida possibile ai cambi di
direzione .
Naturalmente, nelle prove parallele la componente
lattacida avrà un peso superiore rispetto alle gare su due
“manches”, visto che le prove da effettuare per vincere la
gara sono almeno nove (dagli ottavi di finale alla finale
più la manche di qualificazione iniziale).
La
componente
coordinativa
riveste
un
ruolo
fondamentale nell’effettuazione di una prova alpina.
84Infatti la capacità di sapersi adattare a situazioni variabili
in modo rapido ed efficace può spesso fare la differenza.
Ogni tracciato è diverso dal precedente e anche i pendii
e le condizioni della neve sono sempre diversi, per
questo motivo saper surfare in qualsiasi situazione è la
condizione per poter avere un rendimento costante.
Elemento molto importante, soprattutto nelle gare
parallele, è poi la partenza, la quale richiede doti di
reattività e di esplosività unite ad una buona esecuzione
tecnica.
L'efficienza
psicofisica
e
la
preparazione
atletica
influiscono sul rendimento finale tanto più la pista è
ghiacciata, ripida e con porte a traiettoria di curva
sempre più chiusa
Cosa e come migliorare?
• Incrementando
la
forza
con
l’utilizzo
di
sovraccarichi
• Incrementando
la
reattività
con
esercitazioni
pliometriche
85• Incrementando le capacità lattacide e alattacide
con ripetute
• Incrementando le capacità coordinative con circuiti
di destrezza
• Incrementando la capacità di equilibrio con esercizi
di propriocezione
Freestyle
• Durata circa 30 secondi
• Componente coordinativa
• Acrobatica
• Potenza alattacida
• Elasticità muscolare
Nelle gare di freestyle, l’impegno muscolare viene
estrinsecato per un periodo di tempo nettamente
inferiore: infatti, in una gara di half pipe, il rider può
effettuare dalle 6 alle 8 uscite con manovre per una
durata di circa 30 secondi.
86In questa disciplina assume ancora maggior valore la
potenza alattacida che deve permettere al rider di
esprimere
altissimi
livelli
di
forza
in
un
tempo
relativamente breve.
Nel freestyle assume ancora maggior valore soprattutto
la componente coordinativa e di controllo del corpo nello
spazio e nel tempo. Per quanto riguarda la componente
aerobica, essa non rappresenta un fattore limitante. Tra
le capacità coordinative importanti in questa disciplina
può essere un fattore limitante l’elasticità muscolare,
soprattutto nell’esecuzione di alcune manovre che
richiedono delle posizioni che possono portare l’atleta ai
propri limiti articolari.
Cosa e come migliorare?
• Incrementando
la
forza
con
l’utilizzo
di
sovraccarichi
• Incrementando
la
reattività
con
esercitazioni
pliometriche
87• Incrementando le capacità acrobatiche con stage
specifici
• Incrementando l’elasticità muscolare con tecniche
di cosiddetto PNF (facilitazione propriocettiva
neuromuscolare)
• Incrementando, infine, le capacità coordinative con
circuiti di destrezza
Snowboard Cross
• Durata 40-90 secondi
• Acrobatica
• Buona massa muscolare
• Capacità di adattamento a situazioni variabili
• Reattività
Lo snowboard cross dal punto di vista condizionale
assomiglia molto alle gare alpine con l’aggiunta di una
buona dose di acrobatica e capacità coordinative. La
durata di una competizione può variare dai 40 ai 90
88secondi e le caratteristiche importanti sono le stesse
delle discipline parallele.
Infatti il fatto di scattare al via in 4 o 6 o 8 tutti assieme
rende la partenza determinante soprattutto su percorsi
stretti e facili. Il fatto di scendere in gruppo facilita il
contatto
fisico
e,
di
conseguenza,
un
buon
snowboardcrossista deve possedere un buona massa
muscolare equamente distribuita tra arti superiori ed
inferiori. Determinanti possono essere poi le capacità
coordinative, soprattutto la capacità di adattamento a
situazioni variabili che nello snowboard cross sono molto
frequenti.
Cosa e come migliorare?
• Potenziando la massa muscolare e incrementando
la forza con l’utilizzo di sovraccarichi
• Incrementando
le
capacità
acrobatiche
con
allenamenti specifici e le capacità lattacide ed
alattacide con ripetute
89• Incrementando delle capacità coordinative con
circuiti di destrezza e le capacità di reazione con
simulazioni di partenze
Come operare?
• Interessando e motivando l’atleta
• Programmando in funzione degli obiettivi
• Utilizzando metodi che rispettino il più possibile il
gesto tecnico (andature, paralleli ecc.)
• Variando gli stimoli (sport a situazione variabile)
• Da non dimenticare la componente ludica delle
discipline in questione e quindi non va trascurato
l’inserimento quotidiano di giochi di squadra.
Aiuteranno a scaricare lo stress. 17
17
Intervista a Cesare Pisoni, Bergamo, novembre 2002 e dispensa dello stesso “Modello
prestativo, test di valutazione e preparazione atletica nello snowboard di alto livello”
90PARTE TERZA
Sport ancora da
scoprire
91Le considerazioni di Paolo De Chiesa
Carving e snow, c’è del feeling!
L’ex asso dello slalom tra passato, presente e futuro
“Non ho mai provato l’ebbrezza della tavola, forse per
pigrizia, forse perché appartengo ad una generazione
che è agonisticamente, emotivamente passata. O,
addirittura, trapassata… E quindi, nell’inconscio, per la
paura di sfigurare. Però, da tempo mi sono dato al
carving che, a mio avviso, ha più di un punto in comune
con lo snowboard. I miei vecchi sci sono finiti nella
cantina di Saluzzo e io con lo sci corto ho scoperto un
nuovo divertimento, che mi ha fatto ringiovanire. E ora
riesco anche a immaginare quanto debba essere
eccitante scendere su una tavola”.
Chi parla con tanto trasporto è Paolo De Chiesa, grande
slalomista tra i paletti stretti a cavallo degli Anni ’70-’80,
in Nazionale sino al 1986, al tempo della Valanga
azzurra di Thoeni e Gros ormai declinanti. Attualmente
92De Chiesa è un apprezzato commentatore di sci alla TV
di
stato,
dopo
sette
anni
di
appendistrato
a
Telemontecarlo e collaboratore del TOROC per il settore
Sport e per la comunicazione.
E’ dunque rimasto nel gran giro del Circo bianco, è
quindi aggiornatissimo: “Certo –ammette– lo snowboard
è uno sport fantasioso, ha fatto passi da gigante e altri
ne farà. È, del resto, lo sport invernale che molto si affida
all’improvvisazione. E la tavola, ben più che gli sci, è un
gioco d’improvvisazione che esalta i giovani”.
“Dicevo del carving e della sua analogia con lo
snowboard… Rispetto allo sci tradizionale, il carving è un
attrezzo che permette a chi lo calza di curvare al meglio
sulle lamine. E questa, si sa, è la caratteristica peculiare
della tavola. Personalmente ritengo che la nascita e
l’affermazione del carving, che oggi va tanto di moda e
che ha dato un salutare scossone al mondo dello sci che
era immobile da troppo tempo, sia profondamente
collegata alle radici e alla evoluzione dello snowboard”.
93Un atleta con gli sci “carving”, che hanno “svecchiato” lo sci tradizionale
Che lo sci e lo snowboard siano conflittuali, nel senso
che possa esplodere una competizione commerciale
(una sfida) tra il vecchio e il nuovo attrezzo, l’ex
campione non crede.
“Lo sci ha le spalle una tradizione di secoli che è quindi
insopprimibile. Eppoi il carving ha già molto contribuito al
rilancio dello sci. A metterlo in linea con i tempi. Con
l’invenzione del carving, lo sci mi pare abbia già
recuperato gli anni perduti… Insomma, ritengo che sci e
snowboard possano serenamente convivere e ben
94“mixarsi”, cioè spalleggiarsi vicendevolmente. Penso che
per le nuove generazioni nate sulle nevi, con i carving
sarà quasi scontato andar anche sulla tavola. Più che
una pacifica convivenza, mi par di poter prevedere un
felice matrimonio”.
“Purché –conclude De Chiesa– venga finalmente varato
e reso esecutivo un codice di comportamento da
applicare sulle piste, un codice che valga sia per gli
sciatori sia per i riders. Nego infatti la necessità di
ghettizzare gli snowboarder nei cosiddetti snow-park.
Tutti
insieme
appassionamente,
dunque,
ma
tutti
disciplinati da regole ben precise e rigorose”.
Concludo con un’ultima domanda: “Tra i grandi campioni
dello sci che lei ha conosciuto, chi ritiene avrebbe potuto
emergere anche nello snowboard?”
De Chiesa non ha dubbi: “Faccio un nome secco: quello
di Erwin Stricker per il modo che l’alto-atesino aveva di
vedere lo sci, di cavalcare l’attrezzo. Eppoi, come si è
capito, era un po’ fuori di testa… Ma anche Tomba credo
95che, sulla tavola, sarebbe stato capace di dare
spettacolo…”. 18
Una recentissima foto di Paolo De Chiesa in azione con i nuovi sci “carving”
18
Intervista a Paolo De Chiesa, Saluzzo, gennaio 2003
96I campioni di sci bravi anche su tavola?
E’ vero che sci e snowboard, come spesso si sostiene,
sono incompatibili?
E ci sono, ad alto livello, atleti che frequentano con
successo entrambe le discipline?
In barba al luogo comune che vede negli sciatori e negli
snowboarder due tribù distinte e contrapposte, molto
sciatori agonisti, soprattutto nel Nord Europa, sono
anche appassionati di snowboard. Lo stesso Kristian
Ghedina, per restare in casa nostra, non disdegna la
tavola quando frequenta i pendii innevati al di fuori di
gare e allenamenti. Ed è vero anche il contrario: in molti
casi i campioni di snowboard hanno un passato da
professionisti dello sci, come atleti o come maestri, e
mostrano grande dimestichezza con entrambi gli attrezzi.
E’ chiaro che, più il livello cresce, più diventa
irrinunciabile una specializzazione: difficile pensare che
97un Blardone, pur con qualche allenamento specifico,
possa eccellere in un gigante parallelo olimpico di
snowboard oppure che una Trettel possa battere la
Putzer in un gigante di Coppa del mondo. Ma la tanto
sventagliata incompatibilità fra i gesti base delle due
discipline, nei fatti, non sussiste.
In Svezia hanno provato a rimettere sugli sci atleti che,
da dieci anni, facevano esclusivamente snowboard: le…
cavie risultavano eccellenti nella conduzione degli
attrezzi, pur se lacunosi nelle situazioni dove si rendeva
necessario derapare. Ecco cosa ne pensa Barbara
Sponsale, quattro volte vincitrice nello “Snowboard
Classic” della
Gazzetta, nonché maestra di sci,
snowboard e fun-carving: “Il passaggio dagli sci alla
tavola è certamente agevole per tutto ciò che concerne
presa di spigolo, conduzione, inclinazione del corpo,
sensibilità dei piedi, e in generale, per quel che riguarda
l’istintività e la reattività nelle situazioni di pericolo. Il
passaggio inverso, dallo snowboard allo sci, può trovare
98uno sbocco naturale nel fun-carving, dove si usano sci
ultracorti e sciacratissimi, e non si utilizzano i bastoncini.
Quanto alle soddisfazioni, a mio parere lo snowboard
consente di raggiungere buoni risultati in tempi più rapidi.
Ma per competere ad alto livello le difficoltà sono
ugualmente notevoli”. 19
19
da “Sportweek”, inserto settimanale della “Gazzetta dello Sport” anno 4 n°143 del 11/01/2003
99Le giovani italiane che vanno su tavola
Onda bianca, onda rosa…
Anche al femminile lo snowboard è in perfetta sintonia
con l’attuale tendenza dello sport italiano: a livello delle
più prestigiose manifestazioni, dalle Olimpiadi in giù, le
donne vincono di più degli uomini. Sicuramente vantano
più podi.
A parte infatti la medaglia d’argento conquistata da
Thomas Prugger a Nagano, lo snowboard azzurro al
maschile non ha più avuto giornate particolarmente
esaltanti. Per contro, sono state di più e più qualificate le
imprese delle donne, a partire dalla veterana Marion
Posch di Vipiteno (oro ai primi mondiali FIS) alla
valdostana Margherita Parini (vincitrice della Coppa del
mondo), da Lidia Trettel di Ziano di Fiemme (bronzo alle
Olimpiadi di Salt Lake City) a Martina Magenta di Milano,
la prima professionista italiana su tavola.
100Obiettivamente (va detto) i più numerosi successi
femminili, rispetto a quelli maschili, vanno anche spiegati
con il fatto che la partecipazione della donna alle gare
nazionali ed internazionali è piuttosto ridotta, limitata alle
50-60 concorrenti. In Italia, poi, sono più o meno 150,
contro 650 maschi, le donne agoniste.
Le donne, insomma, sono meno di 1/3 rispetto agli
uomini.
Meno concorrenza, dunque: ma è anche indubbio che
Una radiosa Lidia Trettel (a dx) sul podio di Salt Lake City insieme alle francesi Isabelle Blanc (oro) e Karine Ruby
101una volta scoperta l’ebbrezza che da sciare su tavola, le
donne che, in genere, hanno determinazione e idee
chiare, scoperto che anche lo snowboard può aprire la
strada
verso
una
professione
con
possibilità
di
guadagno, non hanno tardato a mettersi in prima linea.
Fisicamente, psicologicamente, sono portati più gli
uomini o le donne allo snowboard?
Ho girato la domanda a Martina Magenta, una delle
pioniere dello snowboard italiano, una polivalente che ha
conquistato tutti i titoli italiani su tavola, autrice del libro
autobiografico “Onda Bianca”. Martina, che vive a
Courmayeur,
ha
dato
una
risposta
in
altalena.
Equilibrata, insomma: “ Nel freestyle –ha detto– le donne
potrebbero sembrare più versate. Le doti peculiari per
emergere in questa disciplina sono l’elasticità, la levità,
l’armonia del corpo. Doti certamente più femminili. Ma gli
uomini si buttano di più, rischiano di più. E, in questa
teorica sfida, recuperano con gli interessi sul gentil
102sesso. Non si può proprio dire, non si può rispondere a
quella domanda…”.
“Certo, da qualche tempo a questa parte anche le
snowboardiste –conclude Martina– hanno capito che il
loro sport non è solo una moda come sembrava all’inizio:
ma uno sport vero, che può aprire le porte ad un’attività
nel settore (anche nel campo dell’abbigliamento, ad
esempio) e che, in qualche anno, può rendere pure a
livello economico”. 20
E le donne, quando aprono gli occhi, magari sono persin
più brave degli uomini… Nello sport, le signore italiane,
che hanno aperto gli occhi poco più di una ventina di
anni fa, direi con Sara Simeoni, oggi vincono su tutti i
fronti. E, ripeto, molto più dei maschietti.
20
Testimonianza di Martina Magenta, Courmayeur febbraio 2003 e libro della stessa “Onda
Bianca” DMK Edizioni
103Uno spettacolare “Indy” in neve fresca della bella Martina Magenta
104Com’è nata la figura del terzo maestro
La lunga battaglia, vinta nel 1998, nel racconto di Bruno
Deluca,
responsabile
nazionale
degli
istruttori
di
snowboard , nonché responsabile dei corsi di formazione
dei maestri di snowboard in Trentino. Deluca è sempre
stato un sostenitore della 3° figura.
Correva l’estate 1986 quando per la prima volta misi i
piedi su una tavola. Era una mitica FUNKY con attacchi
SPS. Me l’aveva prestata Pietro Colturi, già campione di
quello snowboard alle prime armi e che, all’epoca,
faceva il cameriere al Passo dello Stelvio.
Rimasi tanto affascinato da quell’attrezzo rivoluzionario
che, assieme a qualche altro appassionato, l’anno
successivo portammo in Val di Fassa le prime tavole che
allora erano delle Quasar e delle Polar prodotte dalla
Wintersurf.
105Per quanto mi riguarda, si trattò di un amore a prima
vista. Durante i corsi per diventare maestro di sci,
cercavo sempre di ritagliare un po’ di tempo per
“domare” quell’attrezzo che, a volte, sembrava un
puledro imbizzarrito.
Eravamo in pochi a praticare lo snowboard. Ma molti
amici ed anche alcuni dei miei clienti mi chiedevano di
provare l’ebbrezza della tavola.
Mi trovai così a fare lezione di snowboard senza
possedere un vero e proprio metodo d’insegnamento.
Appena se ne presentò l’occasione, presi parte al primo
corso di specializzazione snowboard per maestri di sci,
corso che era stato indetto dalla Provincia Autonoma di
Trento (1990).
Nel contempo, alternando le lezioni di sci a quelle di
snowboard, mi allenavo con una certa intensità per
partecipare alle gare del circuito F.I.S.Ne., cioè dalla
Federazione italiana surf da neve.
106A queste competizioni partecipavano atleti che erano
maestri di sci; ma anche chi non possedeva alcuni titolo.
Per chi non era maestro di sci, val la pena di ricordare
che la F.I.S.Ne. già organizzava –e da qualche anno–
dei corsi per diventare tecnici federali, qualifica che, a
detta appunto dalla F.I.S.Ne., dava la possibilità di
insegnare snowboard all’interno dei vari club.
Ma con l’avvento della legge quadro (8 marzo 1991,
n°81) che disciplinava la professione dei maestri di sci
consentendo soltanto ad essi l’insegnamento con
qualsiasi attrezzo sulla neve (tavola compresa, dunque),
il tecnico federale in pratica non aveva più ragione di
essere. I corsi F.I.S.Ne. non avevano più valore.
A questo punto nasceva il problema di quei molti atleti
che, nonostante avessero iniziato a surfare con noi ed
avendo magari vinto fior di competizioni nazionali ed
internazionali,
non
potevano
più
dar
lezione
di
snowboard non essendo maestri di sci.
107Ovviamente, la cosa agli occhi di tutti gli snowboarder
era assolutamente inammissibile. Lo era per quelli della
F.I.S.Ne., che comunque, a dispetto del divieto,
continuavano a promuovere ed organizzare corsi per
tecnici di club, ma lo era anche per gli istruttori di
snowboard della FISI che, a partire dal 1994, diedero
inizio alla battaglia per il riconoscimento della terza figura
professionale: quella del maestro di snowboard.
Nel 1996 ero frattanto diventato responsabile tecnico
degli istruttori della FISI e, come mi ero proposto, mi
impegnai
a
fondo,
sempre
di
più,
per
la
regolamentazione della terza figura.
Dopo circa due anni di travagliate vicende, di incontri
politici (e non), l’11 settembre 1998 è finalmente entrata
in vigore la legge che prevedeva nella Provincia
Autonoma di Trento, prima regione d’Italia, la formazione
del maestro di snowboard parificato al maestro di sci e di
fondo (le altre due figure).
108L’articolo 30 (categorie) del nuovo ordinamento della
professione di guida alpina e di maestro di sci nella
Provincia di Trento recita: l’esercizio della professione
riguarda distintamente:
• A) Le discipline alpine
• B) Le discipline di fondo
• C) Le discipline dello snowboard
E, al comma 2 dell’articolo in questione, si precisa: “Il
maestro di sci deve limitare la propria attività in
corrispondenza con l’abilitazione posseduta”. 21
Per la cronaca e la storia, la prima selezione per i corsi
di
formazione
maestri
di
snowboard
finalmente
riconosciuta legalmente ebbe luogo dal 23 al 25
novembre 1998 al Passo del Tonale. Vi partecipano 166
candidati provenienti da ogni parte d’Italia. I promossi
furono soltanto 33. Degna di nota l’età media dei
promossi: attorno ai 33 anni e ciò in quanto la maggior
21
dal “Nuovo Ordinamento della professione di guida alpina e di maestro di sci nella Provincia di
Trento” Servizio Turismo Provincia Autonoma di Trento
109parte dei promossi surfava da tempo e già insegnava
all’interno di club e associazioni private.
Rotto il ghiaccio, dopo questa prima selezione si è
mossa anche la Valle d’Aosta e quindi l’Alto Adige. Nel
2003 è passata la legge anche in Toscana e
Lombardia. 22
Ecco la mappa nazionale dei maestri di snowboard
(È aggiornata all’inverno 2002-03)
REGIONE
VALLE D'AOSTA
ISTRUTTORIMAESTRISPECIALIZZATI
LEGGE
GIA'
EMESSA
11 45 70 TRENTINO 6 100 150 X X X
ALTO ADIGE 9 54 140 X X X
20 X X 10 108 X X 4 20 X X
FRIULI
LOMBARDIA
11
TOSCANA
PIEMONTE 6 10 221
VENETO 4 8 80
EMILIA ROMAGNA 2
TOTALE
22
X
X
50
LAZIO
ABRUZZO
X
CORSI
INSEGNANO
IN
GIA'
SOLO MAESTRI
PROGETTO
ATTIVI
DI SNOW
9
1 1 15
50 232 883
Articolo di Bruno Deluca, Val Senales, novembre 2002
110Le quattro regole per insegnare
Lo snowboarding esalta le capacità di coordinazione e di
equilibrio in situazioni di scivolamento ambientali che
variano di continuo. Sfrutta la forza di gravità come
propulsore e l’azione muscolare per gestire la sintonia
tra forza centripeta e centrifuga che caratterizzano un
moto
curvilineo.
Oltreché
dalla
citata
variabilità
dell’ambiente, lo snowboarding è influenzato dalla
reazione della tavola alle varie sollecitazioni.
Poiché la situazione tipica dello snowboarding non
appartiene alle azioni quotidiane della maggior parte
degli allievi, occorre avere una particolare pazienza e
disponibilità
da
parte
del
maestro
nel
proporre
esercitazioni che migliorino la capacità d’equilibrio e di
reazione alle accelerazioni e alle decelerazioni.
All’inizio, come dice Bruno Deluca, istruttore nazionale di
snowboard: “…mi trovai a fare lezione di snowboard
111senza
possedere
un
vero
e
proprio
metodo
d’insegnamento…”.
In effetti, una volta, si cercava di insegnare sulla scorta
delle
esperienze
personali.
Era
un
insegnamento
empirico.
Sul finire degli Anni ’90 è finalmente uscito il testo
ufficiale per l’insegnamento dello snowboard realizzato
congiuntamente dalla F.I.S.I., A.M.S.I. (Associazione
Maestri di Sci Italiani), COL.NAZ (Collegio Nazionale
maestri di sci italiani). Il testo è suddiviso, come quello
dello sci alpino, in quattro livelli:
• Elementare
• Base
• Scolastica
• Perfezionamento
ELEMENTARE: in questo livello vengono sviluppate le
capacità di equilibrio statiche in rapporto alla posizione
trasversale dell’attrezzo. L’obiettivo è di permettere
112all’allievo di spostarsi intenzionalmente su terreni molto
semplici (spazi ampi, lieve pendenza). Si fanno provare
all’allievo il maggior numero di esperienze globali nel
massimo rispetto del divertimento e soprattutto della
sicurezza.
Si utilizza molto l’assistenza all’allievo, sia diretta che sia
indiretta.
Si
fanno
conoscere
le
prime
regole
comportamentali, come calzare correttamente l’attrezzo.
Si insegna come cadere e come rialzarsi, si istruisce su
come utilizzare gli impianti di risalita.
BASE: in questo livello l’allievo viene portato a
sviluppare movimenti combinati (alto-basso, rotazioni ed
inclinazioni). L’obiettivo è di permettere all’allievo di
spostarsi
intenzionalmente
su
terreni
semplici,
controllando con maggior precisione l’attrezzo. L’allievo
dovrà gestire con una certa dimestichezza l’attrezzatura
durante gli attraversamenti. Va sempre salvaguardata
sicurezza e divertimento.
113SCOLASTICA: in questo livello l’allievo viene portato ad
organizzare
movimenti
graduali.
L’obiettivo
è
di
permettergli di gestire intenzionalmente la presa di
spigolo su terreni di media pendenza, cercando una
maggior precisione e controllo della velocità. In questo
livello l’allievo può gestire l’attrezzatura su quasi tutti i tipi
di
pendio,
avvicinandosi
progressivamente
alla
conduzione. Vengono introdotti i concetti di armonia e di
ritmicità dei movimenti.
PERFEZIONAMENTO: il livello di perfezionamento si
struttura
secondo
i
tre
indirizzi
principali
dello
snowboard:
1. Alpino
2. Freeriding
3. Freestyle
L’allievo
viene
portato
progressivamente
in
una
situazione di consapevolezza tale da permettergli la
gestione dell’attrezzo in qualsiasi situazione variabile che
114gli si possa presentare e ciò attraverso automatismi, che
in questa fase, vengono fissati e stabilizzati. Si insegna a
sfruttare al massimo l’attrezzatura sia in conduzione,
anche estrema, che con diversi gradi di sbandamento,
attraverso un controllo consapevole del corpo nello
spazio e nel tempo.
Ci
si
avvicina
all’agonismo
con
entrambe
le
attrezzature. 23
L’istruttore nazionale Maurizio Plotheger impegnato nell’assistenza diretta ad un principiante
23
Snowboard 2000 testo ufficiale per l’insegnamento dello snowboard, FISI, Capitolo 5 “Modelli
Tecnici”
115E oggi Soft batte Hard per K.O.
Per un surfista la prima decisione importante da
prendere è scegliere l’attrezzatura e il tipo di snowboard:
Hard o Soft?
Il primo interrogativo da sciogliere è quello degli
scarponi. Nel primo caso (hard) sono rigidi, simili agli
scarponi da sci, ma più bassi e con una maggiore
flessibilità, nel secondo (soft) sono morbidi, più simili ad
un doposci, caldi e comodi e sono forse uno dei motivi
che ha indotto molti a dedicarsi allo snowboard.
L’attrezzatura hard è tipica per le piste con neve battuta
e preferibilmente dura. Essa consente una precisione ed
una stabilità in curva davvero superiori, ma richiede
un’elevata capacità tecnica in quanto trasmette ogni
singolo movimento alla tavola e per questo risulta più
ostica ai principianti. Tuttavia il livello tecnico che si
raggiunge nella conduzione della tavola difficilmente lo si
può ottenere con una tavola soft. C’è poi da dire che,
116una volta “domata” la tavola rigida, non avrete nessuna
difficoltà a passare a quella morbida. Il passaggio
inverso
è
abbastanza
traumatico. La tavola soft è
orientata
ad
un’andatura
polivalente, dalla neve fresca,
dove offre i migliori risultati, alla
pista dove si difende molto
bene. Diventa indispensabile
quando si cominciano a fare
salti o a girare in pipe.
Anche tra le tavole c’è una
notevole differenza:
snowboard da
pista
gli
hanno
punta tonda e coda tronca.
Sono generalmente più strette
di quelle da neve fresca che
Tavola Hard da
slalom gigante
hanno entrambe, punta e coda
arrotondate.
117Oggi lo scenario vede il soft in continua crescita mentre
l’hard sta diventando un settore di nicchia riservato ai più
esigenti in termini di tecnica (tenuta e velocità).
L’attrezzatura hard oggi è usata solo da chi ha iniziato a
praticare lo snowboard da tempo. Insomma, dai vecchi
lupi. Il consiglio è dunque di
scegliere il soft per chi è
indirizzato verso salti, fuori
pista,
tricks,
pipe
e
evoluzioni varie, oppure per
chi
vuole
provare
lo
snowboard, senza troppo
impegno, stando comodi e
a lungo in mezzo alla neve.
Per contro, per gli amanti
della velocità, delle curve
mozzafiato e per chi vuole
seriamente
avvicinarsi
a
questo sport in maniera
Tavola Soft
118completa si consiglia di cominciare con l’hard per
passare al soft in un secondo momento e dopo aver
raggiunto una discreta tecnica con la tavola rigida.
Scelto il tipo di “riding” non resta che scegliere la tavola,
meglio sceglierne una abbastanza morbida, in grado di
“perdonare” gli errori, quindi una tavola di gamma media.
La lunghezza della tavola varia in base all’altezza e al
peso. Una tavola più corta è sempre più maneggevole
ma meno stabile in velocità.
Per le ragazze, le misure variano dai 148 cm fino a circa
160 cm per quelle più alte e più pesanti. Le tavole per
uomini vanno mediamente dai 155 ai 168 cm. Misure più
grandi, sia per uomini che per donne, richiedono
un’esperienza
maggiore,
ma
regalano
grandi
soddisfazioni, soprattutto quando si parla di stabilità e di
galleggiamento in neve fresca.
Discorso diverso per quanto riguarda gli scarponi. Vale
la pena spendere un poco di più in quanto una volta
119trovato uno scarpone comodo, questo ha una durata
superiore.
Dopo aver passato giorni e giorni per negozi di
snowboard è ora di mettere la tavola sulla neve: è la
prima uscita!
Il primo consiglio è quello di prendere alcune ore di
lezione con un maestro di snowboard (2 o 3 possono
essere sufficienti). Va detto che, per poter portare una
tavola in conduzione, occorre una tecnica particolare che
non è istintiva e che solo una persona esperta è in grado
di trasmetterci. L’autodidatta assume presto una discreta
abilità, ma con dei movimenti completamente errati che
lo porteranno in breve a non poter più migliorare, con vizi
evidenti e con uno stile poco armonioso. Con poche ore
di lezione, troverete subito una buona impostazione e
dopo un giorno sarete in grado di scendere piste
impegnative e divertirvi, ma soprattutto avrete una buona
dose di consigli su cui riflettere.
120Sinteticamente:
ATTACCO HARD: struttura formata da una piastra base
in materiali metallici/plastici dotata di ancoraggi per la
scarpa; normalmente degli archetti trattengono le
estremità dello scarpone. La chiusura avviene tramite
una leva anteriore oppure, nei sistemi “step-in”, grazie a
un meccanismo automatico.
ATTACCO SOFT: struttura formata da una piastra base
in materiali metallici/plastici dotata di hi-back nella parte
posteriore con straps imbottite, oppure meccanismi
121automatici per la chiusura.
SCARPONE HARD: Calzatura con struttura esterna in
plastica dotata di leve di chiusura (da 2 a 5) con
scarpetta interna imbottita e rimovibile. Ricorda per
aspetto lo scarpone da sci, ma è generalmente costruita
con plastiche più morbide. La parte superiore sovente è
resa più morbida lateralmente ed in avanti da snodi.
SCARPONE SOFT: calzatura con tomaia di pelle e/o
tessuto e suola di gomma con sistema di chiusura a
lacci, straps e/o ganci. Scarpetta interna imbottita
rimovibile o fissa. Questi scarponi offrono maggior
122comfort e permettono la massima mobilità della caviglia.
Sono utilizzati dai freestylers e dai freeriders. A volte con
meccanismi
step-in,
l’hi-back
viene
integrato
nel
gambaletto. 24
A sinistra uno scarpone “soft“ (morbido), a destra uno scarpone “hard“ (rigido)
24
Snowboard 2000 testo ufficiale per l’insegnamento dello snowboard, FISI, Capitolo 2
“Attrezzatura” prima edizione ottobre 1999
123Cinque domande agli esperti del settore vendite
Quanto “tira” il mercato in Italia?
Un’inchiesta tra i commercianti di Torino,
Milano, Genova, Verona e Corvara (Bz)
Come trainante fu l’esplosione della Valanga azzurra di
Thoeni e Gros per ridare slancio ad un mercato dello sci
e dell’indotto ad esso legato che, all’epoca, era in
profonda
crisi,
così
l’improvviso
esplodere
dello
snowboard, quale nuovo fenomeno di massa, ha
nettamente rilanciato il mercato rotante intorno agli sport
invernali, in preoccupante flessione dopo il quasi
contemporaneo abbandono di Alberto Tomba e di
Deborah Compagnoni e, quindi, lo scontato calo di
interesse dei media per uno sport popolarmente
declinante.
Bene: per quanto lo snowboard italiano non abbia
ancora prodotto il suo superman e/o la sua Deborah, si
può… quasi dire che ne abbia fatto a meno.
124Anche dal punto di vista commerciale, il mercato dello
snowboard in particolare e quindi quello invernale in
generale sta infatti andando a gonfie vele.
Lo dimostra, nel suo piccolo,
anche questa inchiesta
che ho realizzato a Torino, Milano, Genova, Verona e
Corvara (Bolzano) interpellando i tecnici dei settori
vendita di un grande gruppo del settore (Milanesio Sport)
e di alcuni negozi leader nella vendita di tavole, scarponi,
abbigliamento per riders.
Da questa piccola inchiesta, dalla quale si è anche
evinto che il soft ha ormai soppiantato l’hard (che oggi si
vende nella percentuale di circa il 5%), il dato più
importante che è emerso è questo: da dieci anni a
questa parte l’incremento vendite di tutto ciò che è
concerne la pratica dello snowboard è balzato dal 10% al
90%.
Ma ecco le domande e le risposte della mia inchiesta.
125-Quale è stato l’anno in cui avete venduto più tavole?
E quante?
Milanesio Sport (Torino, Gruppo Cisalfa):
Risponde Roberto Giorda, responsabile del punto
vendita di Corso Peschiera: “Solo a Torino, nel 1995-96,
abbiamo venduto 1300 tavole. Tenga presente che,
sempre relativamente al negozio di Corso Peschiera, la
media annuale delle vendite degli sci è di 6000 paia. Ma
lo snowboard sta facendo passi da gigante”.
La Glisse (Torino):
“Il boom de “La Glisse”, chiarisce il titolare Danilo Musso,
è coinciso con il 1996. Quell’anno, abbiamo venduto
circa mille tavole e abbiamo rialzato la testa dopo
qualche stagione di assestamento, ma anche di
incertezza”.
Longo Sport (Genova):
“Il nostro –dice Fabrizio Longo– è un negozio che è
aperto da 35 anni ed è nel centro di Genova. Da otto
anni, trattiamo tavole e tutto ciò che riguarda il pianeta
126snowboard. Il top delle vendite è del 2001-2002, una
stagione ricca di neve sin da subito. Quell’anno, abbiamo
distribuito 370 tavole, è il nostro record”.
Radical Surf Milano:
“Dipende sempre dalla neve, spiega la titolare Eva Pizzi.
Il nostro tetto va riferito alla stagione 1999-2000. Oltre
300 tavole vendute e quasi tutte da dicembre a gennaio.
Detour Board Association (Verona):
“Anche quest’anno il mercato delle tavole –risponde
Luca Molon, uno dei soci– sta andando a gonfie vele.
Potremmo anche battere il venduto delle stagioni 1999-
2000 e 2001-2002. Superare le mille tavole, tra i negozi
di Verona e di Peschiera, è possibile”.
Sports & Style (Corvara, Bz):
Risponde
Klaus
Costa,
responsabile
del
settore
snowboard. “Quest’anno è meglio di sempre, abbiamo
già venduto 300 tavole. Da dieci anni a questa parte,
l’attrezzatura e l’abbigliamento dello snowboard ha
127presentato un incremento di vendite del 80%. Speriamo
che duri…”.
-Quale è stato l’anno in cui, sotto il profilo delle
vendite, lo sci ha più perduto in percentuale rispetto
allo snowboard?
Milanesio Sport: “Mi riferisco sempre al 1995-96; fu
l’anno in cui lo snowboard letteralmente deflagrò”.
La Glisse: “Per quanto riguarda il mio primo negozio di
via Filangieri, dico il 1991 quando, in vista di un
azzeccata campagna promozionale, La Glisse puntò
tutto (o quasi) sullo snowboard, sacrificando un po’ il
mercato dello sci. Ci è andata bene”.
Longo Sport: “Cinque anni fa, quando lo snowboard fu
promosso disciplina olimpica. Ma il “gap” tra lo sci e lo
snowboard era ed è ancora abissale: in media vendiamo
1600 paia di sci e 300 tavole”.
Radical Surf: “Il nostro negozio non ha mai tenuto sci,
quindi non sono in grado di rispondere alla domanda.
Una decina di anni fa, abbiamo cominciato con il wind-
128surf e abbiamo continuato puntando sempre sulle tavole
d’acqua e da neve. È la nostra vocazione”.
Detour: “La grossa scalata dello snowboard è riferibile al
1999-200. In quella stagione abbiamo venduto tavole
anche a molti stranieri di passaggio a Verona”.
Sports & Style: “Prima dell’uscita del carving, 3-4 anni fa.
Il carving ha rilanciato il mercato dello sci”.
-Quando avete cominciato a pensare che le tavole,
l’attrezzatura in genere e l’abbigliamento dello
snowboard stavano per diventare un “business”?
Milanesio Sport: “Nel 1993, siamo stati tra i primi a
credere che lo snowboard non fosse una semplice
moda…”.
La Glisse: “Molto presto, addirittura nel 1988, quando lo
snowboard non era ancora quella disciplina popolare che
è poi diventata. Siamo stati bravi ad anticipare i tempi”.
Longo Sport: “Diciamo otto anni fa, quando si è deciso di
fare un grosso investimento nel settore, avendo subito
un buon riscontro”.
129Radical Surf: “Puntando sulla novità abbiamo sperato
nella buona stella, come era già successo quando
avevamo aperto un negozio solo per surf da onda a
Rimini. Sulla carta, lo snowboard è una puntata meno
rischiosa…”.
Detour: “Circa 15 anni fa… Ma noi siamo una famiglia di
surfisti: per noi, dunque, è stato facile credere che lo
snowboard avrebbe sfondato. Prima degli Anni ’90 noi
sapevamo già tutto delle tavole Burton e Funky…”.
Sports & Style: “Se si fa un investimento oculato è
difficile fallire. Noi ci siamo mossi per gradi. Potremmo
impegnarci anche di più quando l’Alto Adige sarà
attrezzato per quanto riguarda l’half pipe e gli snowpark.
Speriamo che ciò avvenga presto”.
-Come
è
cambiata
la
moda
dell’abbigliamento
invernale con l’esplosione dello snowboard?
Milanesio Sport: “La moda dello snowboard si sta
avvicinando sempre più a quella ben più collaudata dello
sci”.
130La Glisse: “L’abbigliamento dello snowboard deve
essere
necessariamente
pratico;
indissolubilmente
legato alla tecnica dell’attrezzo. Non è molto cambiato,
dunque, né prevedo grosse rivoluzioni”.
Longo Sport: “Oggi anche gli sciatori tendono a vestirsi
un po’ come i riders e puntano su un abbigliamento più
comodo”.
Radical Surf: “Lo sciatore non potrà mai pensare di
indossare capi larghi per via dell’aria che, filtrando sotto,
frena. Ho l’impressione che anche l’abbigliamento del
rider tenda a restringersi. E’ già meno goffo di un tempo”.
Detour: “Anche nello snowboard la moda è cambiata:
non più colori vivaci stile Anni ’80, non più fantasie
assurde. Ora prevalgono colori più tenui, più vivaci alla
tradizione urbana”.
Sports & Style: “L’abbigliamento degli snowboardisti sarà
sempre distinto rispetto a quello degli sciatori: sarà
sempre un abbigliamento meno elegante e sempre (e
soprattutto) pratico”.
131-Dal punto di vista strettamente commerciale è
pensabile che lo snowboard possa alla lunga battere
il mercato dello sci?
Milanesio Sport: “In Italia, non accadrà mai”.
La Glisse: “È impossibile. Ma nel mio negozio è da 15
anni che lo snowboard batte lo sci. Siamo un’eccezione”.
Longo Sport: “Al momento, no. Ma non escludo che il
mercato dello snowboard, tra una decina d’anni, possa
avvicinarsi di molto a quello dello sci”.
Radical Surf: “È possibile. Lo sci è rimasto lo sport per i
papà, per quelli di una certa età. Ma i giovani papà di
oggi nascono su tavola: e quindi il futuro andrà a
tavola…”.
Detour: ”Il carving ha dato una mano allo sci, lo ha
svecchiato. Sarà difficile scardinare una tradizione
secolare”.
Sports & Style: “Non può succedere”.
132I traumi di una disciplina nuova
(Intervista al prof. Gianluigi Canata)
Lo sci alpino è una delle più diffuse pratiche sportive
delle nostre regioni. Considerando l’alto numero di
praticanti l’incidenza di traumi rilevata dalle statistiche è
tutto sommato relativamente bassa. C’è però da dire che
le attuali statistiche sono basate esclusivamente sulle
prestazioni di Pronto soccorso in prossimità dei centri
sciistici. In realtà, molti infortuni saltano queste strutture
rivolgendosi altrove. La reale incidenza di traumi risulta
pertanto attualmente sottostimata.
Per quanto riguarda i più frequenti traumi di cui sono
vittima gli snowboardisti, ho chiesto lumi al dottor
Gianluigi Canata, docente di Medicina dello sport presso
la Scuola Universitaria in Scienze Motorie di Torino,
(dove ha insegnato cinesiologia), nonché responsabile
del centro di traumatologia dello sport all’Ospedale
Koelliker.
133La premessa di Canata non può essere trascurata: “La
completa padronanza della tecnica sciistica garantisce
grande divertimento. È necessario però essere coscienti
che lo sciatore è obbligato a peculiari tecniche motorie
che non sono innate. Una insufficiente padronanza
dell’attrezzo comporta rischi di lesioni principalmente agli
arti inferiori, che non sono liberi ma vincolati e quindi a
rischio particolarmente elevato di traumi distorsivi o da
collisione. Una analisi epidemiologica dei traumi da sci
aiuta ad individuare alcuni elementi predisponenti: negli
anni, l’evoluzione dei materiali e delle tecniche sciistiche
ha modificato la tipologia dei traumi in modo analogo in
centri sciistici anche distanti tra loro”.
“La crescente pratica dello snowboard –precisa Canata–
ha creato una nuova tipologia di lesioni. I traumi più
frequenti sono le distorsioni: 53%; le fratture 24%; le
contusioni 12%. Il 60% dei traumi colpisce i principianti.
C’è poi da notare che l’incidenza di traumi nella pratica
dello snowboard è più che mai doppia (2,4) rispetto allo
134sci alpino ed interessa gli arti superiori in maggior
percentuale rispetto allo sci da discesa.
Il 57% dei traumi che colpisce gli arti inferiori è
generalmente determinato da cadute in avanti ed in
particolare è interessato l’arto guida (73%). Per quanto
riguarda gli arti superiori, si registrano soprattutto traumi
ai polsi nei principianti per cadute all’indietro”. 25
Il dottor Canata ha poi chiarito che, nello snowboard,
sono relativamente frequenti i traumi di caviglie, infortuni
favoriti dall’uso di scarponi più morbidi che sono
solitamente usati da praticanti di livello intermedio o
avanzato. Scarponi più rigidi (preferiti dai praticanti)
predispongono per contro a traumi di ginocchio e fratture
distali di tibia.
Per prevenire lesioni –consiglia Canata– i principianti
dovrebbero preferire gli scarponi morbidi e seguire
adeguati corsi di istruzione. Viene anche raccomandato
l’uso di adeguate protezioni del polso.
25
Dispensa sul Simposio “Prevenzione della traumatologia da sci” Bardonecchia 11/03/2000
135In uno studio norvegese, risulta una maggior incidenza di
traumi cranici negli snowboardisti esperti (19%) rispetto
ai principianti (8%).
Ed è la conferma che, anche nello snowboard, la bravura
non è assoluta garanzia di sicurezza. 26
26
Intervista a Gianluigi Canata, Torino, ottobre 2002
136Bibliografia
LIBRI E ARCHIVI
• “2003 Burton’s History Press Kit Contents” (da
www.burton.com)
• A.A. V.V. “Snowboard 2000”. Testo ufficiale per
l’insegnamento dello snowboard. Edizione FISI,
ottobre 1999
• A.A. V.V. “Gli sport di scivolamento. Didattica e
metodologia”. Edizione FISI, 1998
• A.A. V.V. Libretto “Decennale Snowsurf Club Prato
Nevoso 1986-1996”
• A.A. V.V. Simposio “Prevenzione della
traumatologia da sci” (CUS Torino/SUISM/Istituto
di medicina dello sport di Torino/Comune di
Bardonecchia). Edito nel 2000
• Archivio Agenzia Torino 2006
• Beulard Laurent e Poulet Philippe “Snowboard
Passion”. Edizione Hachette Livre. Edito nel 1999
137• Cargnino Beppe “Snowboard”. Mulatero Editore.
Edito nel 1991
• Dugnani Sergio e Pisoni Cesare “Snowboard-Surf
da neve”. Sperling & Kupfer Edizioni
• Ferrari Andro e Giordani Nadia “La preparazione
atletica dello snowboard”. Edizioni La Grafica
• Formento Roberto “Surf da Neve”. Edizioni Mursia
• Magenta Martina “Onda Bianca”. DMK edizioni.
Edito nel 1997
• Marta Enrico “Surf e neve”. Mulatero Editore. Edito
nel 1987
• Oddoux Franck e Pirenon Jean-Charles
“Snowboard”. EPA Editions. Edito nel 1998
• Pighini Pier “Lezioni di snowboard”. De Vecchi
Editore
• “Nuovo Ordinamento della professione di guida
alpina e di maestro di sci nella Provincia di Trento”
Servizio Turismo Provincia Autonoma di Trento
138RIVISTE E NEWSLETTER
• Newsletter “Monitor 2006”, anno 4, numero 1
febbraio-marzo. Edizione a cura del Comitato
Organizzatore dei XX Giochi Olimpici Invernali
• Rivista-enciclopedia annuale “SnowB 2002”.
Editore Hi Pow Srl Milano
• Rivista “Snowboarder Magazine”, numero 51 aprile
2002. Life Edizioni
• Riviste “Sportweek” (Gazzetta dello Sport), anno 4
numero 143 (11/1/03); 146 (1/2/03); 147 (8/2/03)
• Rivista “Tracce di Piemonte”, anno 4, numero 16.
Michelangelo Carta Editore
SITI INTERNET
• www.burton.com
• www.blix2003.it
• www.fisi.org
• www.torino2006.org
• www.funiviecampiglio.it/ita/inverno/snowpark.htm
139• www.snowstory.it/museo/professional_snow.htm
• www.phiokka.com
• www.salomonsnowboard.com
• http://haakon118.free.fr/haakon/snow/index.html
INTERVISTE
• Sono state realizzate con Paolo De Chiesa,
Gianluigi Canata, Roberto Moresi, Andrea Grisa,
Gian Marco Peri, Cesare Pisoni
• Testimonianze orali rilasciate da: Andrea Matteoli,
Elio Locatelli, Bob Sorgente, Danilo Musso, Luca
Molon, Fabrizio Longo, Eva Pizzi, Klaus Costa,
Dino Bonelli, Roberto Giorda, Martina Magenta,
Ubaldo Prucker, Alberto e Alessio Schiavon.
• Testimonianza scritta di Bruno Deluca
140Ringraziamenti
Si ringraziano tutti coloro, sopra citati, che hanno
generosamente collaborato a questa tesi e, per
quanto riguarda il materiale fotografico, ringrazio in
particolare l’Agenzia Torino 2006 per la disponibilità
che mi ha sempre dimostrato durante la mia ricerca,
nonché Alberto Agliani e Linda Brizzolara.
141

Powered by WordPress and Bootstrap4
Snowboard Hard